Home Storie Voglio un figlio

Toxoplasmosi in gravidanza: il mio cuore non potrà mai tornare a battere come prima

di mammenellarete - 13.04.2015 - Scrivici

donna-depressa.180x120
Ho vissuto la mia prima gravidanza con grande paura. Ho preso in totale 8,5 kg e avevo una pancia invisibile. Avevo paura che il mio bimbo non stesse bene. Poi la seconda gravidanza... e quella chiamata dal laboratorio d'analisi: avevo contratto la toxoplasmosi proprio nelle prime settimane di gestazione. Un pezzo del mio cuore si è fermato il 19 dicembre, il giorno dell'intervento, il giorno del raschiamento. E non potrà mai tornare a battere come prima.

Leggendo le vostre storie, ho trovato il coraggio di ripercorrere e scrivere la mia. . .

Sono moglie e mamma di uno splendido bambino di 4 anni e devo ringraziare il Signore per avermelo donato. È la mia forza da quando è nato. . . Grazie a lui ho trovato la forza per andare avanti soprattutto nel periodo che ho classificato come il più brutto della mia vita.

La vita mi ha dato tanto:

mi ha dato un marito fantastico, non avrei potuto trovare di meglio. . .

Mi ha donato il mio bambino, soprannominato Tazmania, non sta mai fermo!!! E' un uragano, ovunque andiamo porta sorrisi ed allegria!

Una gravidanza bellissima, ma a tratti piena di dubbi ed ansie dovute da dottori insensibili. Sono sempre stata magra per costituzione e nonostante in gravidanza mangiassi di tutto e di più ho preso in totale 8. 5 kg. Avevo una pancia piccolissima, tanto piccola che non si notava. Ed io invidiavo quelle mamme con quei pancioni enormi!

Pancione che si vedevano a chilometri di distanza, mentre la mia era invisibile. E mi martellavo la testa con mille dubbi.

La mia ginecologa cercava di rassicurarmi dicendomi che il bambino stava bene, che era tutto apposto. . . Ma non bastava a tranquillizzarmi.

I pianti che mi sono fatta e che ha dovuto sopportare mio marito, santo uomo!

Purtroppo l'ignoranza e la cattiveria sono sempre dietro l'angolo, molte persone sono portate a pensare PANCIA GROSSA= BAMBINO CHE CRESCE SANO E FORTE

PANCIA PICCOLA=BAMBINO CHE NON CRESCE.

e questo pensiero me lo avevano inculcato talmente bene che ho iniziato a crederci pure io.

Io avevo la pancia microscopica quindi qualcosa non andava bene. . .

Poi anche durante le ecografie, non hanno mai preso bene le misure del mio cucciolotto. . . Ed ogni volta mi dicevano che da una eco all'altra cresceva poco.

Ho passato 9 mesi di ansie, per poi partorire una settimana in anticipo un bambolotto santissimo di 3. 500 e sentirsi dire dalle ostetriche: "Per fortuna che questo bimbo ha voluto venire alla luce in anticipo, perché se avesse superato il termine, avrebbe superato i 4 kg!!!"

Racconto questo per tranquillizzare tutte le mamme in dolce attesa, piene di paranoie e dubbi per quella pancina che magari fatica a crescere!
State tranquille, godetevi la vostra gravidanza, non paragonate la vostra pancia a quella dell'amica!

Ma la vita mi ha tolto anche tanto. . .
Per scelta abbiamo deciso che avremmo cercato nuovamente la cicogna, quando il nostro primo bimbo sarebbe stato un po' piu autonomo. . . Intorno ai 4/5 anni ed infatti 6 mesi fa, al primo tentativo sono rimasta subito incinta! Non vi dico la felicità!

. . . felicità che purtroppo si è fermata con gli esiti degli esami del sangue. . .

La chiamata dal laboratorio di analisi: "Signora gli esami sono pronti ma deve passare a ritirarli con urgenza"

Ho fatto la strada da casa al laboratorio in lacrime. . . Cosa poteva esserci di brutto in quegli esami, tanto che il laboratorio mi aveva chiamata?

. . . La notizia brutta è che avevo preso la toxoplasmosi!

Io!??? Io sempre attenta a quello che mangio, a lavare frutta e verdura accuratamente. . .

Non ho mai capito dove possa averla presa!

Ho ripetuto il test di avidità in un altro ospedale, ma la toxo era in corso e l'avevo contratta ad inizio gravidanza.

Ho provato a portare avanti quella gravidanza, piena di dubbi e paure. . . ma il cuoricino del piccolo che avevo in grembo non ha retto e a quasi 12 settimane si è fermato.

Ho dovuto subire un intervento, il raschiamento. . . E credetemi io mi sento raschiata anche nell'anima.

Penso che questa sensazione non passerà mai, perché io di quell'esserino mi sentivo già mamma.

Ho passato nottate a piangere in silenzio, nella speranza che mio figlio non si accorgesse quello che stavamo passando io ed il papà. . Io che non vedevo l'ora di dirgli che presto avrebbe avuto un fratellino o sorellina.

Ma lui si era accorto che qualcosa non andava. . . Piccolo grande uomo della mamma!

Se mi sono ripresa dalla perdita del mio secondo bimbo devo tutto a lui. . . Grazie al suo amore, ai suoi abbracci spontanei, ai suoi baci.

Meritava una mamma felice, meritava un'infanzia felice, lui mi rendeva e mi rende felice e quindi mi sono sforzata di cercare quella forza per andare avanti. . .

Sono tornata l'amica, la moglie e mamma felice di sempre. . . ma un pezzo del mio cuore si è fermato il 19 dicembre, il giorno dell'intervento e non potrà mai tornare a battere come prima.

(La mamma che ha scritto questa storia ha scelto di rimanere anonima)

Leggi anche: la mia gravidanza con i risultati della rosolia positivi

TI POTREBBE INTERESSARE