Home Storie Voglio un figlio

Ho perso i miei tre gemellini

di mammenellarete - 24.06.2021 - Scrivici

donna-triste
Fonte: Shutterstock
Ho perso i miei tre gemellini e il dolore che ho provato è stato ed è ancora indescrivibile. Adesso sono mamma di una bambina.  

Nel 2018 mi sono sposata. A marzo 2019 aspettavo il ciclo: avevo perdite di sangue, ma non frequenti e quindi ho deciso di fare un test... risultato positivo!!! Ho chiamato la ginecologa che mi ha chiesto subito di stare a riposo. La sera stessa sono andata al pronto soccorso: avevo perdite abbondanti di sangue.

Mi hanno visitato subito. Il cuoricino batteva, mi hanno detto di nuovo che dovevo stare a riposo. Sono andata a casa e dopo tre giorni ho fatto la visita. La ginecologa ci ha fatto sentire il battito e mi ha fatto vedere il mio bambino/a, dicendo: "Signora tutto a posto!!!". La mattina dopo mi sono alzata, sono andata in bagno e ho visto un fiume di sangue. Spaventata ho chiamato mio marito, che è corso a casa da lavoro e siamo andati all'ospedale, dove ho trovato la mia ginecologa.

Ho perso i miei tre gemellini

La ginecologa mi ha fatto l'ecografia e mi ha detto: "Mi dispiace ma non c'è più battito". Mi hanno fatto un raschiamento d'urgenza. Nel pomeriggio mi hanno fatto uscire senza farmi un'ecografia per vedere se il mio utero era pulito.

Passano i mesi, e oltre al dolore di quello che mi era successo, non mi arriva il ciclo né ad aprile né a maggio. Chiamo la ginecologa e le dico tutto, mi risponde che dopo il raschiamento il ciclo sarebbe dovuto arrivare da un bel pò!

Decido di andare a farmi visitare dal mio attuale ginecologo che appena mi visita mi dice: "Signora... ma come le deve venire il ciclo! Lei è incinta di due gemelli, purtroppo però non c'è più battito!".

Un'altra straziante notizia: il battito già era fermo da 2 settimane. Alla fine era la stessa gravidanza di marzo. Ho dovuto subire dopo 2 mesi un altro raschiamento e il dolore che ho provato nei mesi successivi è stato ed è ancora indescrivibile. Adesso sono mamma di una bambina.

di anonima

(Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it)

TI POTREBBE INTERESSARE