Home Storie Voglio un figlio

Rimanere incinta dopo un tumore

di mammenellarete - 02.04.2010 - Scrivici

I Professori Salvatore Dessole e Gian Benedetto Melis - rispettivamente dell'Aou di Sassari e dell'Aou di Cagliari - hanno organizzato ad Alghero, il 9 e 10 aprile prossimi, un congresso di ginecologia che avrà come tema la "Preservazione della fertilita' nella paziente oncologica". Poco tempo fa la storia di Stinne Holm Bergholdt aveva stupito molti addetti ai lavori e dato speranza a molte donne che vivevano la sua stessa condizione. Stinne, è una donna danese che è riuscita ad avere due figli grazie a un reimpianto di tessuto ovarico, precedentemente asportato e congelato durante un ciclo di cure contro il cancro. Purtroppo, però, in generale, preservare la propria fertilità dopo esser state sottoposte a terapie per la cura di una simile malattia non è molto facile e, soprattutto ai tempi nostri, è un problema molto sentito .

Le donne d'oggi, infatti, a differenza delle loro madri e nonne, affrontano spesso la gravidanza in età avanzata e rischiano quindi maggiormente di sviluppare un tumore prima che inizi la ricerca di un figlio.
Com'è noto, gli effetti collaterali delle pratiche curative del cancro, quali chemioterapia e/o radioterapia, implicano spesso una grave insufficienza ovarica con conseguente difficoltà a rimanere incinta.

Sull'analisi dei metodi attualmente in uso per preservare la fertilita' nelle pazienti prima di sottoporle a terapia antitumorale si concentreranno gli interventi in programma al congresso di Alghero.
Si parlerà, quindi, di: crioconservazione degli embrioni (previa fecondazione in vitro e successivo congelamento dell'embrione), crioconservazione degli ovociti, crioconservazione di tessuto ovarico.
Come si legge su agi.it, l'obiettivo dichiarato dei promotori dell'incontro e' sensibilizzare la classe medica e l'opinione pubblica sulla necessita' di istituire una Banca di tessuto ovarico (in questo caso in Sardegna) per far si' che quest'ultimo, una volta crioconservato, possa poi permettere alla donna di realizzare il suo desiderio di maternita' dopo la guarigione dal cancro.

Foto di scion_cho

articoli correlati