Home Storie Voglio un figlio

Mi ha dato in affido da bambina: dopo 27 anni ho avuto la forza di richiamarlo papà

di mammenellarete - 23.05.2017 - Scrivici

nonno.600
Fonte: Pixabay
Sono nata in una famiglia numerosa e disastrata. I miei decisero di darmi in affido. Avevo tre mesi e i miei genitori decisero di prendermi con loro. Ma ero obbligata a vedere le persone che mi avevano messo al mondo tutti i mesi. Fino a quando decisi di non volerli più vedere. Venni adottata dai miei attuali genitori. Nel 2016 tramite mio fratello scopro che l'uomo che mi ha messa al mondo è gravemente malato...

La mia storia inizia il 22 novembre del 1989.

Nacqui a mezzanotte in una famiglia numerosa ed un po' disastrata.

La signora che mi mise al mondo decise di non volermi tenere con sé, quindi firmò

il foglio per lasciarmi in affido.

I mesi passarono. Avevo tre mesi e i miei genitori decisero di prendermi con loro. Ma ero obbligata a vedere le persone che mi avevano messo al mondo tutti i mesi.

Gli anni passarono e io non volli più vederli per come si comportavano. All'età di 9 anni decisi di non volerli più vedere, così affrontai tutto il percorso: giudici, psicologi e assistenti sociali.

Arrivarono i miei 14 anni e si arrivò finalmente all'adozione...

Nel 2008 mi fidanzai con colui che è diventato mio marito e nel 2012 ci sposammo. Lo stesso anno diedi alla luce il mio piccolo grande amore. Diventai mamma.

 

Da quel momento, l'odio per quella persona, quella che mi aveva messo al mondo, aumentò in maniera smisurata... visto che io non riuscivo a stare mezzo secondo senza di lui. Lei invece mi abbandonò a vita.

 

Gli anni passano e nel 2014 muore una delle mie sorelle grandi a causa della droga. L'anno successivo il signore che mi ha messo al mondo scopre che ha un brutto tumore e tramite mio fratello cerca un rapporto con me. A settembre 2016 decido di dargli una possibilità.

 

Il nostro rapporto cresce e si fortifica tanto da avere la forza di richiamarlo papà, l'11 dicembre 2016, quando, alle 16.30, spirò...

 

La mia vita mi ha insegnato a essere quella che sono...

 

Sono una ragazza che dà l'anima a tutti, ma poi sto male al 99% per i vari motivi, ma sono fatta così.

 

I miei genitori sono fantastici in tutto e per tutto, sono la loro bimba e per me loro ci sono sempre ed io per loro.

 

di Romina

 

(storia arrivata come messaggio privato sulla nostra pagina Facebook)

 

Ti potrebbe interessare:

 

 

Vuoi scrivere la tua storia a nostrofiglio.it? Mandaci un’email a redazione@nostrofiglio.it

 

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati