Home Storie Voglio un figlio

Congelare l’ovaio per essere mamma più tardi

di mammenellarete - 04.11.2010 - Scrivici

utero_400.180x120
Da un articolo di Salute 24 apprendiamo che un recente studio ha confermato che sia possibile congelare un ovaio, o una parte di esso, per garantirsi la produzione di ovuli nel momento in cui si decidesse di concepire in età matura. La tecnica è stata studiata ed applicata dai ricercatori della clinica St. Luke di Saint Louis nel Missouri, Stati Uniti. Il team di ricercatori è stato guidato da Sherman Silber e presentato a Denver nel corso del convegno che si tiene ogni anno dell'American Society for Reproductive Medicine. Dopo il Nobel allo scienziato che della fertilità, la scienza sembra sostenere sempre con più vigore scelte di vita diverse e mamme in difficoltà.

Molte donne occidentali, infatti, scelgono di concentrarsi sulla realizzazione personale e sulla carriera professionale, rimandando così il momento di avere un bambino. Il rischio, attendendo tempo, è quello di cercare una gravidanza quando non si è più al massimo della fertilità.

La tecnica sperimentata dai medici del St. Luke, anche se necessita di ulteriori approfondimenti per essere consideraa di successo, mira a rendere possibile una gravidanza anche quando ormai i 20 anni sono piuttosto lontani. Secondo Silber, che ha effettuato il primo trapianto completo di ovaio congelato nel 2007, la nuova tecnica funzionerebbe meglio del congelamento degli ovuli. Da quel momento i ricercatori americani hanno effettuato tre trapianti di tessuto ovarico utilizzando tessuti congelati e ottenendo altrettante nascite. In tutto il mondo sono 23, oggi, i bambini nati da trapianti di tessuto ovarico. "Siamo nel bel mezzo di una epidemia di fertilità in tutto il mondo - conclude Silber - perché la nostra società sta cambiando. Le persone non provano ad avere figli e a sposarsi fino a quando non hanno 35 anni".

articoli correlati