Home Storie Voglio un figlio

Citomegalovirus in gravidanza: ho scelto per la vita

di mammenellarete - 03.07.2014 - Scrivici

gravidanza1.180x120
Ciao a tutte le mamme e alla redazione. Ho 16 anni, scrivo perché voglio raccontare anche io la mia storia. Alla tredicesima settimana di gestazione mi hanno detto che avevo contratto il CMV, il citomegalovirus. Mi hanno mandato dal virologo che mi ha dato 3 scelte: la prima era quella di abortire, la seconda era quella di fare l'amiocentesi

e altre operazioni invasive e la terza e ultima quella di tenere il bambino e fare molti più controlli.

Io e il mio compagno abbiamo deciso di non fare niente di tutto ciò e di tenere il bambino senza far niente di quello che ci avevano detto.

Alla trentaseiesima settimana di gravidanza iniziano le contrazioni. Vado in ospedale e la mia dilatazione era di solo 3 cm, le contrazioni spariscono e mi mandano a casa dopo 4 giorni di ricovero. Torno in ospedale 3 giorni dopo e la bimba nasce senza problemi.

Il giorno dopo, quando le infermiere finiscono di lavarla me la riportano in camera ma la bimba non si attacca al seno. Mi han detto: 'Non si preoccupi, è solo stanca dopo il parto'' anche se erano passate 12 ore.

Arrivano le 15 di pomeriggio e l'infermiera prova la glicemia alla piccola ed era a 20. La portano in terapia intensiva ma loro non avevano strumenti per intubazione e altri macchinari, dunque hanno dovuto trasferire la bimba in un altro ospedale, dopo avergli fatto una rachicentesi e avergli riaperto la vena ombelicare. (Leggi anche: positiva alla rosolia in gravidanza, che paura!)

Dopo una settimana arrivano tutti i risultati: è positiva a streptococco beta emolitico. Dopo 24 ore intubata per respirare e 3 settimane in ospedale, il 6 gennaio 2014 posso finalmente portarla a casa. Ora finalmente la bimba sta bene.

p.s. la mia bimba si chiama Sharon ed è nata il 15 dicembre 2013.

di M.

(storia arrivata per email a redazione@nostrofiglio.it)

Dal magazine: citomegalovirus in gravidanza

Storie correlate:

articoli correlati