Aborto interno

"Non c'è battito": il mondo mi crollò addosso. Ma finalmente ora sono mamma

Di mammenellarete
21 gennaio 2019
Quando mi dissero che non c'era battito, mi crollò letteralmente il mondo addosso. Dopo quaranta giorni feci la visita ginecologica, per vedere se il mio corpo si fosse ripreso, e il ginecologo mi disse che era tutto okay. Ci confermò che avremmo potuto riprovare subito ad avere un bimbo.  Così facemmo e restai di nuovo incinta. Dopo nove mesi strinsi tra le mie braccia la mia ragione di vita.
Facebook Twitter More

Cominciammo a cercare un bimbo subito dopo il matrimonio. Dopo quattro mesi finalmente il test si rivelò positivo.

 

Andò tutto bene, poi, durante una visita di routine, il mio ginecologo assunse un'espressione che non dimenticherò mai. Dopo qualche secondo, che sembrarono in realtà ore, ci disse: "Non c'è battito".

 

Mi crollò letteralmente il mondo addosso. Dopodiché, purtroppo, dovetti subire un raschiamento. Dopo quaranta giorni feci la visita ginecologica, per vedere se il mio corpo si fosse ripreso, e il ginecologo mi disse che era tutto okay.

 

Addirittura, il ginecologo mi disse che il mio corpo era perfettamente funzionante e che stavo già ovulando. Ci disse che avremmo potuto riprovare subito ad avere un bimbo. Così facemmo.

 

Il mese seguente il ciclo non arrivò ed il test fu positivo. La gravidanza, questa volta, andò bene e dopo nove mesi strinsi tra le mie braccia la mia ragione di vita.

 

Non demordete, che sia il primo o il decimo tentativo, arriverà anche per voi. Un altro test positivo e... realizzerete il vostro sogno. Mai mollare!

 

di Stefania

 

(storia arrivata sulla pagina Facebook di Nostrofiglio.it)

 

Leggi anche: Aborto interno silenzioso: oggi sono la mamma felice di uno splendido bimbo e Aborto interno e mola vescicolare, sono mamma oggi di due bimbe

 

 

LE ULTIME STORIE