Storie di mamme

Non ho abortito e mio figlio è nato sano

Di mammenellarete
mamma

25 Novembre 2016 | Aggiornato il 31 Gennaio 2018
Sono una mamma e scrivo per rivolgermi a voi che avete ricevuto il consiglio di abortire o che vorreste farlo per chissà quale vostra paura, a voi che avete medici che mettono in dubbio la salute del bimbo che portate in grembo. Ho fatto un'intera gravidanza così e credetemi... NON ABORTITE! Mio figlio è nato sanissimo e se avessi ascoltato tutte quelle voci mediche, dove sarebbe il mio amore? Mai avrei abortito comunque, ma consiglio di non farlo a nessuna. 

Facebook Twitter Google Plus More

Care mamme, mi rivolgo a voi che state vivendo mesi di nausee e vomito e non vedete fine. Voi che da quanto male state avete nostalgia del "non essere incinta". Voi che non trovate consolazione in nessun rimedio e contate minuti, ore e giorni! Coraggio perché tutto passerà presto.

 

Provate tutti i rimedi che a qualcuna hanno dato sollievo e vedrete che anche voi troverete sollievo in qualcosa. Coca cola, liquirizia o altro, provate! Presto passerà tutto e dimenticherete quanto male siete state. Mi rivolgo a voi mamme, cui i medici hanno detto che forse il bimbo ha malformazioni o malattie.

 

Ho vissuto una gravidanza così, con medici che suggerivano di abortire. Erano tutti quasi sicuri che mio figlio avesse qualcosa. Poteva essere down nella migliore delle ipotesi o avere una malattia rara che lo avrebbe fatto vivere poche ore. Ma io non avrei mai abortito. Me lo ripetevo e ne ero certa, avevo mio figlio dentro.

 

Lo sentivo così vivo e deciso che sembrava mi urlasse che stava benissimo. Ad un'ecografia ricordo che sembrava mi facesse "okay " col ditino, come a dire "mamma va tutto bene, non ascoltarli". Quanto ho pianto! Quante paure! Beh, solo io lo so. Comunque il mio bimbo è nato sanissimo!

 

Ora ci sarà chi mi dice che non a tutti va così bene. Lo so. Ma voi siete disposte ad uccidere il vostro bimbo per delle ipotesi che spessissimo sono errate? E anche fossero vere, siete certe di voler uccidere vostro figlio e la vostra felicità per sempre? Io non lo avrei mai fatto e non lo farò mai, qualsiasi cosa mi venga detta. Coraggio, amate i vostri bimbi e abbiate fede perché può capitare che le ecografie sbaglino spesso. Spessissimo direi!

 

Nel mio caso, i medici vedevano cisti dei plessi coroidei, testa grande e bacinetti renali dilatati. Queste tre cose insieme potevano nella migliore delle ipotesi essere una semplice Sindrome di Down oppure una malattia molto più grave che non era compatibile con la vita.

 

All'ottavo mese mi fecero fare una risonanza perché sembrava mancasse il setto pellucido perfino! Mentre ero in quel tubo il mio piccolo calciava tantissimo, sembrava arrabbiato per ciò che stavano facendo vivere alla sua mamma. Una volta uscita mi dissero che il setto c'era!

 

Diciamo che alla fine tutto per fortuna si è sistemato. Le cisti spesso si riassorbono entro la nascita. I bacinetti idem. Il bimbo è nato sanissimo con il peso di 4 kg e 520 gr. Quando l'ho visto la prima volta, ho pianto così tanto... Credo non potrà mai capire cosa ho vissuto per e con lui, il mio tesoro. Ne ho pagato poi le conseguenze con una bella depressione post parto!

 

Infatti, ora mi rivolgo anche a tutte voi mamme che state vivendo la depressione post parto. Ho avuto anche quella, con entrambi i miei bambini. Che dire... Un tunnel buio e indescrivibile. Solo chi lo vive lo comprende, lo so. A voi voglio dare due consigli: il primo è quello di accettare che state attraversando questo periodo difficile e di credere davvero che passerà. Basta volerlo e passa!

 

Una persona mentre stavo male mi disse: "è come una brutta influenza, passa". Ed era vero. Certe di questo e certe che al mondo quasi tutti hanno avuto momenti bui nella vita per mille motivi diversi, accettate e cercate aiuto. Mamme, papà, suoceri, amiche, parenti persone di fiducia per avere aiuto in casa e col bambino. Scegliete persone che non vi siano di peso, ma con cui possiate parlare, piangere ed essere voi stesse.

 

Il secondo consiglio è quello di cercare aiuto da un brava psichiatra (con cui vi troviate bene a parlare, cambiatelo fino a trovare quello giusto per voi) e fate incontri di dialogo che vi fanno benissimo e prendete le medicine che occorrono. Si tratta solo di un valido aiuto temporaneo che presto eliminerete, ma che ora è indispensabile.

 

State col vostro bimbo e coccolatelo. E amatelo nei momenti in cui siete serene e nei momenti di crisi cercate di lasciarlo a chi di fiducia e uscite anche solo mezz'ora per una passeggiata. Abbiate coraggio e amore per voi per chi vi aiuta e per il vostro cucciolo perché credetemi... ne uscirete e amerete la vita molto più di prima!

 

La vita è meravigliosa e io farei tantissimi bimbi se avessi gli aiuti necessari, nonostante tutto sì... li farei eccome, perché mai ho smesso di amarli per un istante e sono stata con loro nei momenti migliori per dare a loro solo il meglio. Cercate aiuto anche a pagamento o nel sociale. Fatelo per voi e per il bimbo, così voi potrete guarire presto ed il bimbo riceverà sempre e solo amore e serenità. Chi desidera contattarmi riceverà dalla redazione il mio nominativo. Un abbraccio a tutte le mamme.

 

di Eleonora

 

(storia arrivata alla pagina Facebook di Nostrofiglio.it, editata dalla redazione)

 

A un passo dall'aborto mio figlio ce l'ha fatta
Io mamma giovane, a un passo dall'aborto, ho scelto la vita
Aborto spontaneo: da una brutta depressione alla gioia di aspettare Leonardo

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it  

LE ULTIME STORIE