Cisti ovarica

Cisti ovarica e due aborti: non mi sono arresa e ora sono mamma di due splendide bimbe

Di mammenellarete
ipa_jga42y

29 Novembre 2017
Appena sposata credevo che avrei subito coronato il desiderio di diventare mamma. Invece non è stato così semplice. Prima mi trovarono una cisti e mi dovettero operare, poi finalmente rimasi incinta, ma al terzo mese abortii; poi di nuovo un altro aborto. Dopo altri esami scoprirono che avevo un problema di insulina e con l'aiuto di un diabetologo riuscii a portare a termine una gravidanza e oggi sono mamma di due bimbe. 

Facebook Twitter Google Plus More

Il desiderio di diventare mamma ce l'ho sempre avuto si può dire che è nato e cresciuto con me il giorno in cui mi sono sposata e credevo che presto  si sarebbe esaudito quel desiderio, ma non è stato così.

 

Dopo quattro mesi di matrimonio ho deciso di andare a fare una visita dal ginecologo e lì ho scoperto di avere una cisti a una ovaio.

Sono stata in cura un'anno, ma niente la cisti non andava via, poi mi sono decisa a farmi operare e sono stata sei ore in sala operatoria. Mi hanno tolto l'ovaio. Nonostante ciò dopo quattro mesi sono rimasta incinta,  ma al terzo mese ho avuto un aborto interno. 

 

Da lì passarono altri quattro anni e la gravidanza non arrivava.

In quei quattro anni fra isteroscopie e fecondazione ne ho provate di tutte,

ma niente. Poi, quando avevo ormai perso le speranze, rimango incinta di nuovo ma a tre mesi ho un altro aborto.

 

Così decido di cambiare medico e faccio ancora un volta tutti gli esami, ma questa volta mi dicono di fare una curva da carico e scoprono che avevo insulina resistente. Ma con l'aiuto di una nutrizionista e del diabetologo riuscii a rimanere di nuovo incinta e a portare a temine la gravidanza e nacque una splendida bimba.

 

Dopo un'anno sono rimasta incinta un'altra volta e con lo stesso procedimento è nata un'altra principessa che oggi ha due mesi quindi il mio motto è: non arrendersi mai quando si insegue un sogno.

Storia di mamma Carmela, editata dalla redazione.

 

Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it 
 
 
 

 

LE ULTIME STORIE