Storia

Aborto ritenuto: ora stiamo cercando una seconda gravidanza

Di mammenellarete
3matrimoni
COPPIA SU UN LETTO DI FOGLIE
Foto di 'Shari + Mike Photographers'.

22 Novembre 2017
Cinque anni fa ho avuto un aborto ritenuto al terzo mese di gravidanza. Ora, dopo una cura, stiamo cercando di avere un bimbo e aspettiamo gli inizi di dicembre per fare il test di gravidanza

Facebook Twitter Google Plus More

Quella voglia di diventare mamma che non ti dà pace!

 

Sono una ragazza di 29 anni e 5 anni fa ho perso una gravidanza per “aborto ritenuto” a quanto mi dissero. Ero incinta di 3 mesi e non mi ero accorta di nulla avendo un ciclo irregolare. Pensavo di avere un brutto male e non immaginavo minimamente una gravidanza. I sintomi aumentavano e così mi convinsi a fare il test ed era POSITIVO.

 

Poi nel pomeriggio mi recai in ospedale per un'ecografia e in quel momento scoprii che il battito non c'era più.

 

Mi cadde il mondo addosso io e il mio fidanzato per un paio di giorni non parlammo. Ci chiudemmo in un silenzio anomalo: la mia testa mi diceva che dovevano togliermi quell'essere morto dentro di me, ma il mio cuore invece mi diceva : "Anche se non ci sei più, puoi rimanere ancora con me".

 

Passarono cinque giorni e mi fecero il raschiamento. Quando mi rialzai, volli andare subito via dall'ospedale e riprendere al più presto la mia vita in mano.

 

Man mano che passarono i giorni, incominciai a riacquistare le forze, ma nella mia testa si ripeteva sempre la stessa domanda: perché mi è successo?

 

A volte riuscivo a darmi delle risposte altre volte no.

 

Dopo qualche anno decidemmo di voler provare ad avere un bambino: una sfilza di esami, un giro di medici infinito e nessuno che mi dava una cura da eseguire, perché si sa, quando entri in questo vortice, ci sono medici che prima di farti realizzare il tuo sogno pensano a come spennarti.

 

Nel frattempo passarono gli anni io e il mio fidanzato decidemmo di sposarci e a giugno, dopo 10 anni di fidanzamento, coronammo il sogno. Ma con un macigno nel cuore perché non sai se puoi dargli quella gioia tanto attesa.

 

Passarono i mesi e un'amica mi parlò di un medico specializzato di fertilità. Andammo da lui con tanto esami da fare e sia io che mio marito facemmo tutto.

 

Tutto era a posto: dai risultati emerse che siamo sani e compatibili.

 

Incominciò così l'iter: al primo ciclo di monitoraggio risposi in maniera eccellente alla curetta data ed ho avuto rapporti con mio marito nei giorni stabiliti.

 

Ora ci tocca aspettare i primi di dicembre per sapere se tutto è andato come noi speriamo. Sto pregando ogni giorno affinché quel test esca positivo.

Credetemi, solo chi ci passa può capire.

 

Anonima

 

Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it 

LE ULTIME STORIE