Home Storie Storie del parto

Utero bicorne unicolle: sono riuscita lo stesso a portare a termine la gravidanza

di mammenellarete - 27.07.2015 - Scrivici

neonato.600
Fonte: Alamy.com
Avevo l' utero "bicorne-unicolle" e per me le possibilità di portare una gravidanza alla fine erano e sarebbero state sempre poche. Ma dopo due dolorosi aborti spontanei, finalmente sono riuscita a portare avanti una gravidanza. Ora la mia piccola ha 15 mesi ed è una bambina meravigliosa. E' la mia vita! 

Nel gennaio de 2009 conobbi il mio attuale compagno. Dopo cinque giorni, praticamente subito, andammo a convivere: io avevo 22 anni, lui 29! A febbraio conobbi la sua famiglia e nel mese di marzo rimasi incinta. Purtroppo la gravidanza non andò bene: ebbi un aborto a 7 settimane e 2 giorni.

 

Gli anni passarono, provammo e riprovammo ad avere un figlio, ma non accadeva nulla. Nel 2012 rimasi di nuovo incinta, ma purtroppo avevo preso la varicella. Ebbi un altro aborto spontaneo. I dottori mi dissero che le possibilità di portare al termine la gravidanza erano davvero scarse.

 

Passò un po' di tempo e discussi con il mio compagno se fosse il caso di cambiare casa. Forse questo cambiamento ci avrebbe portato fortuna. Così nel maggio 2013 decidemmo di andare a vivere in un'altra abitazione. Ad agosto scoprii di essere incinta.

 

Questa volta avevo tante perdite di sangue. Ad un certo punto mi convinsi di aver perso di nuovo il bambino. Il mio compagno insistette affinché andassimo dal ginecologo, perché lui era sicuro che il bimbo fosse ancora li.

 

Così andammo dal ginecologo, spiegandogli quello che era successo. Lui mi disse che forse era vero: avevo perso il piccolo! Mi disse però di fare un'ecografia per avere delle certezze. E io la effettuai, rassegnata. Durante l'ecografia, sentii immediatamente un lieve battito del cuoricino del bambino.

 

Fui subito felicissima e piansi lacrime dì gioia! Mi spiegarono che avevo l'utero "unicolle-bicorne" e che le possibilità di portare una gravidanza alla fine erano poche, così io e mio marito decidemmo di viverla giorno per giorno.

 

Alla ventisettesima settimana mi ricoverarono per due settimane, pensando che forse il bambino voleva già nascere. Pregavo affinché il piccolo rimanesse dentro almeno fino alla trentottesima settimana, avendo letto che i bimbi, dopo 38 settimane nella pancia, possono iniziare a respirare da soli.

 

Mi rimandarono a casa! Infine, alla trentasettesima settimana e 6 giorni partorii la mia bambina, che pesava 2600 grammi! Adesso la piccola ha 15 mesi. E' una bambina meravigliosa, è la nostra vita!

 

di mamma Simona

 

Leggi anche:

 

Io che non ho voluto fare l'amniocentesi

 

Fivet e incinta! Anche quando nessuno ci credeva

 

La prima ecografia, che emozione

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

 

TI POTREBBE INTERESSARE