Home Storie Storie del parto

Un brutto cesareo a 41 settimane, ma tutto si è risolto e ora la nostra vita è perfetta

di mammenellarete - 18.02.2016 - Scrivici

parto.600
Fonte: alamy.com
Quando nacque mia figlia, ebbi un brivido fortissimo. Vissi un brutto cesareo e per ricucirmi impiegarono più tempo del dovuto. Provai un dolore insostenibile, soprattutto quando tentai di camminare. Oggi, per fortuna, posso dire che la nascita di nostra figlia ha portato tanta fortuna a me e al mio compagno. E siamo tutti e tre felici.

La mia storia iniziò con un avvenimento particolare. Sospettavo di essere incinta e, allo stesso tempo, comparvero sul mio corpo delle macchie: era una forte allergia. Andai al pronto soccorso, dove mi fecero fare un test di gravidanza. L'allergia era pesante e si era manifestata su tutto il corpo, io dissi ai medici che potevo essere incinta, ma il test risultò negativo.

 

Non lo sarei mai immaginato, eppure mi crollò il mondo addosso, dissi al mio ragazzo che forse non potevamo avere figli. Eravamo insieme da 10 anni e avevamo fatto tutto insieme. Aspettavamo il momento giusto per avere dei bimbi. Aspettavamo che lui trovasse lavoro, ma questo lavoro non arrivava mai. Ed iniziava ad andare tutto a rotoli. Lui aveva 30 anni. Dopo questo avvenimento, si accorse che mi stava perdendo, perciò probabilmente per questo motivo mi chiese se volessi un figlio.

 

Io gli risposi subito di sì, allora ci provammo.

 

Ebbi finalmente due giorni di ritardo. Era il 14 aprile 2014 quando andai al laboratorio d'analisi per fare la beta. Chiamai il mio fidanzato e glielo dissi.

 

Lui mi disse che nel pomeriggio saremmo andati a ritirare i risultati. Non posso dimenticare il momento in cui entrammo in clinica. L'infermiera mi disse subito: "Sei incinta". Io e il mio uomo eravamo così felici che ci "ridevano anche le orecchie".

 

Ebbi una gravidanza tranquilla senza problemi, giunsi a 41 settimane.

 

Io desideravo un parto normale. A 41+3 mi ricoverarono, perché il tracciato era uscito strano e la mia bimba non aveva intenzione di uscire. Volevano farmi l'Induzione, ma non c'erano i parametri giusti.

 

Si decise per un cesareo, ma mi fecero attendere ancora un altro giorno. Io iniziai veramente a star male: vedevo tutti i neonati nelle stanze e la mia bimba non nasceva mai. Avevo le contrazioni, ma senza dolori e il collo dell'utero era aperto di circa mezzo centimetro.

 

Comunque alla fine mi prepararono per il cesareo. Non riuscivano a tirare la mia bimba fuori perché era incastrata. Io sentivo tutto... ma finalmente giunse il suo pianto.

 

Ebbi un brivido fortissimo. Vissi un brutto cesareo e per ricucirmi impiegarono più tempo del dovuto. Avevo molte aderenze, feci l'aria solo dopo 49 ore. Fu un dolore insostenibile, soprattutto quando provai a camminare.

 

Dopo essere tornata a casa, si lacerò la ferita all'interno. Sembrava che il tempo non passasse mai, finalmente poi guarii e ora la mia piccola ha un anno.

 

Noi ci siamo sposati, lui ha un lavoro e siamo felici. La nostra piccola ci fa portato tanta fortuna. Auguro a tutte la stessa fortuna.

 

di Imma

 

(messaggio arrivato all'indirizzo email redazione@nostrofiglio.it)

 

Ti potrebbe interessare:

 

Volevo un parto naturale e invece ho partorito con un cesareo

 

Parto con taglio cesareo, vi racconto la mia esperienza

 

Parto cesareo, mi sono arresa

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

 

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati