Storie delle mamme

Ho perso le mie gemelline. Ma oggi sono la mamma felice di tre bambini

Di mammenellarete
ecografia-gemelline
25 giugno 2020
Purtroppo, durante la seconda gravidanza, ho perso a 20 settimane le mie due bambine. Dopo un anno e tanto dolore, sono di nuovo rimasta incinta di nuovo di due gemelli, un maschio e una femmina. Sono riuscita ad arrivare alla 39esima settimana e i miei due bambini sono venuti alla luce sani! Ora sono la mamma felice di tre bellissimi bambini.
Facebook Twitter More

Oggi sono una mamma felice di tre bambini. Il primo è nato 9 anni fa. Dopo 6 anni sono arrivati 2 gemelli, un maschio e una femmina. Ma la strada della mia maternità non è stata facile... Mi spiego. Il primo figlio è arrivato subito dopo il matrimonio, voluto e cercato da subito. È stata, credo, la gravidanza perfetta!

 

Nove mesi meravigliosi, senza neanche un mal di testa, parto naturale alla 41esima settimana e un bellissimo bebè di 3,450 kg. Intanto mio figlio cresceva e quando ebbe tre anni pensammo di allargare la famiglia con un altro bimbo. Lì iniziarono i problemi. Rimasi incinta nel giugno 2014, ma alla decima settimana la gravidanza s'interruppe spontaneamente. Il vuoto. Mi dissero che capita.

 

Mi ripresi fisicamente e moralmente e ci riprovai, a gennaio 2015 ero di nuovo incinta, neanche in tempo di iniziare... e abortisco nuovamente. Anche lì mi dissero che può succedere. Arrivata a quel punto decisi di fermarmi, di non riprovarci, avevo bisogno di elaborare la situazione, ma rimasi inaspettatamente incinta a maggio dello stesso anno. Mi sentivo strana, i disturbi erano forti, andai dal ginecologo e mi disse che ero in attesa di due gemelli. Il panico, ma anche la gioia!!!

 

La gravidanza andò avanti seppure con qualche problemino di perdite anomale, ma il ginecologo diceva che era tutto sotto controllo. Arrivai a 20 settimane, agosto 2015, era mattina, faceva caldo e io mi sentivo strana. Andai in bagno, mi venne da spingere. Rottura delle acque. Mio figlio all'epoca aveva 5 anni, si spaventò tantissimo. Mi portarono in ospedale con l'ambulanza, mi ricoverarono. Mi dissero che la rottura delle acque pre-termine era normale.

 

Ho perso le mie due gemelline, poi sono rinata con un'altra gravidanza

 

Scoprii in ospedale di aspettare due gemelline in salute, perfette, erano di due sacche separate. Ma una delle due già la condannarono perché il suo sacco era danneggiato ed era senz'acqua. Morì dopo due settimane di ricovero. La portai dentro di me per altri due giorni, poi la partorii. Intanto l'altra rimase buona nel suo sacco, io lottai in ospedale per lei (ci rimasi un mese), ma dopo qualche giorno iniziai a stare male, avevo un infezione in corso all'utero, la placenta della prima non era stata espulsa e stava dando problemi al mio corpo.

 

Dopo 10 giorni dalla prima ruppi le acque anche della seconda, arrivati a questo punto i medici decisero per un parto indotto, io stavo andando in setticemia. La seconda nacque, a malapena vide la luce e morì. Le piccole pesavano 450 gr la prima, e 700 gr la seconda. Io stavo male, andai in emorragia, vidi davvero la morte con i miei occhi, avrei voluto morire con loro. Assistetti al loro funerale, quelle rose bianche e quella bara bianca con quell'angioletto che dormiva non lo dimenticherò mai.

 

Mi ripresi, ma capiii che avevo bisogno di un aiuto. Andai in terapia per elaborare il lutto, con me anche mio marito che non mi abbandonò mai. Lui è stata la mia salvezza, ci siamo salvati a vicenda. Passò un anno, mio figlio intanto mi chiedeva insistentemente un fratellino, lui sapeva delle sorelline, ha sempre saputo la verità. Allora decisi di darmi un'ultima possibilità, per mio figlio, per mio marito e per me.

 

Nel febbraio del 2017 scoprii di essere nuovamente incinta! Alla prima ecografia terrorizzata chiesi se erano due. Il ginecologo mi tranquillizzò dicendo che era una sola camera, invece dopo una settimana a casa di un ricovero urgente per delle perdite emorragiche scoprii che in realtà a sorpresa c'era un'altra camera, di nuovo gemelli! La paura fu tanta, ma anche la gioia!

 

Da cristiana cattolica, credente e praticante, feci una promessa poi mantenuta e, seppure con qualche problemino iniziale, grazie anche al medico che mi seguì, arrivai a 39 settimane e riuscii a partorire i miei gemellini, un maschio e una femmina che oggi a distanza di quasi tre anni sono davvero la gioia del fratello maggiore che li adora tanto, e sono la benedizione di Dio nella mia casa.

 

Da quando ci sono loro non chiedo altro, i miei TRE figli sono il tesoro più bello!!! Ah, dimenticavo, i gemelli si chiamano Carmine (in onore della Madonna del monte Carmelo) e Mariavita (Maria come la Madonna e Vita perché loro sono venuti al mondo e sono la nostra vita). 

 

di Celeste

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it