Home Storie Storie del parto

Il mio parto in ospedale durante l'emergenza Covid. Avrei voluto qualcuno accanto

di mammenellarete - 05.02.2021 - Scrivici

donna-e-neonato
Fonte: Shutterstock
Ho partorito in ospedale mio figlio a novembre, nel bel mezzo della pandemia. Avrei voluto qualcuno accanto. Ringrazio comunque le ostetriche che sono state con me, mi hanno aiutato tanto. Essere una mamma è la cosa più bella del mondo.
Sono Begerta e ho origini albanesi. Sono una mamma di 22 anni di un bambino meraviglioso, maschietto. Si chiama Davide e ha due mesi e tre settimane. Lo adoro.
 
Vi racconto il mio parto: il 7 novembre avevo un gran dolore, era come se dovesse arrivare il ciclo. Il 14 si è rotto il tappo mucoso. Sono andata in ospedale, ma niente. Sono dovuta tornare di nuovo a casa. Il 15 si sono rotte le acque alle due di notte. Verso le 3 meno 20 sono entrata in ospedale.
 
La prima cosa che ho fatto è stato il tampone per il Covid. Io ero incinta di 38 settimane e due giorni. Il tampone si fa di regola la 40esima settimana. Mi hanno fatto tutte le analisi ed è andato tutto bene.
 
Ho dormito, mangiato, finché verso le 20:00 sono iniziate le vere contrazioni, ogni due minuti. Andavo avanti e tornavo indietro nel corridoio dell'ospedale, finché non mi sono bloccata lì. Avrei tanto voluto una persona vicino, ma purtroppo non c'era nessuno. 
 
Verso le 22:00 la dilatazione era di due centimetri. Dopo ore di antibiotico, finalmente mi hanno portato in sala parto. Mi ricordo che l'ostetrica mi diceva: "Respiri profondamente". Ma niente, io gridavo e basta. E chiamavo mia madre, che sta in Albania. Ad un certo punto ho vomitato.

Il mio parto

Poi... non lo so, ma è improvvisamente arrivato. È giunto il momento di spingere. Io spingevo, ma ad un certo punto ho iniziato a non farcela più. L'ostetrica mi ha detto: "Sono usciti i capelli!". In quel momento ho preso coraggio e ho iniziato a spingere con tutta la forza che avevo. Poi, tra pianti, dolori, paura, all'1:10 è nato il mio cucciolo, Davide, di 2 chili e 700 grammi. 47 centimetri di amore puro.

Ringrazio molto le ostetriche che sono state con me, mi hanno aiutato tanto. Essere una mamma è la cosa più bella del mondo. Grazie per avermi dato la possibilità di raccontare il mio parto. 

di Begerta

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

TI POTREBBE INTERESSARE