Home Storie Storie del parto

Neonata con cisti ovarica. La nostra testimonianza

di mammenellarete - 22.01.2022 - Scrivici

neonata
Fonte: Shutterstock
Mia figlia è nata con una cisti ovarica. I medici l'hanno operata chirurgicamente. Purtroppo la vita ci mette davanti a delle sfide più o meno importanti, basta trovare la forza di affrontare tutto con coraggio e determinazione, anche se a volte con terribili sensi di colpa.

Non so quanto possa essere particolare la mia esperienza. Io non ne avevo mai sentito parlare prima. Durante un ecografia di routine alla 32esima settimana, la ginecologa nota qualcosa (nella bambina) che la fa insospettire, parla di mega-vescica o possibile cisti ovarica.

Secondo suo consiglio consulto un suo collega che conferma una cisti ovarica di centimetri 2,5. Entrambi consigliano di non fare arrivare la gravidanza alla 40esima settimana. Chiedo consulto anche ad un chirurgo pediatrico. Faccio un controllo a settimana presso l'ospedale, per monitorare l'evoluzione della cisti.

Cresce molto velocemente. Alla 37esima settimana di gestazione la mia ginecologa programma il mio intervento di parto cesareo. La mia piccola guerriera nasce alla 38esima settimana più 2, 3 chili e 300 grammi per 47 cm di amore e forza. Passiamo i nostri primi 3 giorni di degenza insieme all'ospedale di Siracusa (sprovvisto di reparto di chirurgia pediatrica).

La nostra storia

Veniamo dimesse, ma insieme al foglio di dimissioni mi consegnano un foglio di ricovero (solo per la piccola) al policlinico di Catania, dove ci stanno aspettando. I medici fanno un'ecografia per rendersi conto di quanto sia grande la cisti: 9 centimetri. La ricoverano in TIN, due giorni dopo le pungono il pancino e di conseguenza la cisti, aspirando il liquido, sperando che le pareti della stessa si attacchino tra loro. Purtroppo non è quello che succede.

Decidono dunque di procedere tramite intervento chirurgico. Fanno una piccola incisione sotto l'ombelico, asportando l'intera cisti. L'operazione va benissimo, per fortuna è per bravura dei medici. Dopo 15 giorni di TIN, Vera può finalmente tornare a casa. A 6 mesi dalla sua nascita facciamo una visita di controllo presso il Policlinico e purtroppo sono presenti 2 piccole cisti (2,5 mm e 3 mm) il medico consiglia di sospendere l'allattamento al seno poiché carico di ormoni. Prima in gravidanza e poi con l'allattamento sto facendo "del male" alla mia bambina.

Ho già iniziato a fare allattamento misto, Vera soffre di rigurgito e reflusso gastro-esofageo dalla nascita e cresce pochissimo (300 gr al mese circa), quindi avevo aumento le poppate di latte artificiale diminuendo quelle al seno. A giugno decido di interrompere l'allattamento al seno perché mi sento troppo in colpa.

A dicembre facciamo una seconda visita con l'ecografista che mi fa il più bel regalo di Natale della mia vita. Le cisti di Vera sono sparite. Purtroppo la vita ci mette davanti a delle sfide più o meno importanti, basta trovare la forza di affrontare tutto con coraggio e determinazione, anche se a volte con terribili sensi di colpa.

di Barbara

Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it

TI POTREBBE INTERESSARE