Home Storie Storie del parto

Gravidanza difficile e problemi con l'allattamento. La mia testimonianza

di mammenellarete - 13.02.2022 - Scrivici

allattamento
Fonte: Shutterstock
Ho avuto una gravidanza difficile e problemi con l'allattamento. Sono esausta. E sento solo dire "dagli l'artificiale" da parenti, amici e pediatra. Vi  racconto la mia esperienza.

In gravidanza un "inconveniente" dietro l'altro, alcuni più comuni e non gravi come nausee e vomito protratti fino al quinto mese, altri più pericolosi come polidramnios, collo dell'utero corto, minaccia di pretermine. Insomma la mia gravidanza è stata metà in bagno e metà sul divano immobile.

Sì, che sarà mai, un po' di sopportazione, ma poi passa. Certo come no. Dopo il parto, come purtroppo la maggior parte delle donne, punti, dolori, mentre devi fare tutto il resto. Il bambino non si attacca bene, frenulo corto poi tagliato "così migliora" mi dicono.

Ma il bimbo perde peso ogni giorno e mi sento domandare "ma lo attacchi al seno?", come se da neomamma... boh, forse pensavano non avessi voglia di attaccarlo?! Bah. E ragadi. E ingorgo a entrambi i seni e il bambino continua a perdere peso. Insomma, metteva la lingua sopra il capezzolo e non riusciva a poppare niente.

Ha digiunato fino al quinto giorno di vita in pratica e invece a me i seni scoppiavano. Da che finalmente abbiamo capito il problema, ho contattato 4 ostetriche, 3 pediatri e una consulente per l'allattamento IBCLC. Le prime due settimane in pratica dormivo una mezz'ora ogni 3 ore, giorno e notte, per via della routine per insegnare a mio figlio ad attaccarsi bene e contemporaneamente nutrirlo perché non ci riusciva.

Gravidanza difficile e allattamento altrettanto difficile. La mia testimonianza

Pianti e urla, emotivamente ero un distrutta. Lascio fare la situazione coi parenti che è meglio, tanto più o meno è la solita che hanno tutte. Sottovalutata la situazione, sminuita sempre... ma sì, dagli l'artificiale fai prima.

Quando finalmente il bimbo ha imparato ad attaccarsi, io avevo ancora ragadi e ancora dolore. E tutto quello che sapevano dirmi era "l'attacco è corretto, magari il capezzolo deve abituarsi". Certo,come no. Avevo un altro ingorgo, ma ci sono volute altre 2 settimane per capirlo. Ho avuto nel frattempo anche un po' di vasospasmo per non farsi mancare nulla.

Poi finalmente spariscono le ragadi e il dolore. Ma il bambino continua a piangere e a dimenarsi solo quando si attacca al seno. È una tortura per lui e per me. Cosa c'è questa volta? Reflusso signori. E mentre tutti mi dicono che il bambino dovrebbe allungare le ore tra i pasti, noi ogni ora e mezza/due siamo al seno.
 
Non si dorme la notte, per forza di cose non posso dormire e farlo dormire in piedi, e per forza di cose ancora pianti e vomiti e seno (ritornano i parenti con "lo vizi", "ma mangia sempre", "ingrasserà") perché il latte materno lenisce il bruciore da reflusso. Se non fosse stato per la consulente IBCLC chi avrebbe potuto saperlo?!
 
E niente. Siamo qui. Quattro mesi suonati. 8/10 poppate al giorno da 5 minuti circa, compresa la notte, che rigorosamente passa nel lettone perché è un bambino che appena messo giù nel lettino si sveglia e ha bisogno di essere fasciato o stretto tra le braccia di mamma e papà, altrimenti non dorme.
 
Sono esausta. E mi sento solo dire "dagli l'artificiale" da parenti, amici e pediatra. Perché se ha il reflusso pare che sia colpa del latte materno? La situazione è sottovalutata e sminuita dagli altri. Così la vivo io.
 
di Franci
 
Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it

TI POTREBBE INTERESSARE