Home Storie Storie del parto

Crisi cianotica dopo il parto e Tin. La mia guerriera Amelie

di mammenellarete - 16.07.2021 - Scrivici

mamma-e-neonata
Fonte: Shutterstock
Dopo il parto la mia bambina ha avuto una crisi cianotica. I medici hanno dovuto portarla in terapia intensiva, dopo è rimasta per una settimana. Ora ha quasi sette mesi e gode di ottima salute, anche se fa visite ogni mese in ospedale.

Vi racconto la nostra storia. Seconda gravidanza fortemente voluta e cercata. Arrivata quasi subito. Eravamo felicissimi. Alla fine del settimo mese mi diagnosticano diabete gestazionale. Quindi sono passata ad essere una gravidanza a rischio. Mi hanno ricoverata alla 38 settimana per indurmi il parto.

Ci sono voluti 3 giorni prima che nascesse perché la piccola probabilmente non era pronta e non voleva uscire. Lunedì 23 novembre 2020 alle 16:25 è nata Amelie. Come al solito me la mettono sul petto per attaccarla. Siamo felicissimi e ci godiamo questo momento.

All'improvviso sentiamo uno strano respiro e l'ostetrica che in quel momento compila i fogli, mi chiede se va tutto bene. Rispondo di sì, che è stata la bimba a fare quel verso. Arriva per vederla e in un secondo incomincia il nostro inferno. La piccolina è in piena crisi cianotica, non respira più. È viola, è un budino!

La mia piccola grande guerriera

Iniziano a gridare di chiamare il nido e i dottori! Così la portano via. Io non posso muovermi per almeno due ore. Nessuno mi dice nulla. Non ho notizie. Mando mio marito a chiedere. Così arriva la ostetrica e ci dice che le stanno facendo degli esami per capire la situazione.

Restiamo in terapia intensiva per una settimana, la settimana più lunga e terribile della mia vita. Vedo la mia piccola piena di tubi, flebo, macchinari senza poterla nemmeno prenderla in braccio.

Ha lottato come una guerriera ed è riuscita da sola a sopravvivere perché lei ha voluto essere qui con me! Ora ha quasi 7 mesi e gode di ottima salute, anche se è seguita da più reparti dall'ospedale e fa visite ogni mese per accertare che continui ad essere tutto apposto.

di Eliana 
 
(Vuoi scriverci la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it)

TI POTREBBE INTERESSARE