Home Storie Storie del parto

104 giorni in Tin. "Dove la scienza dice che è impossibile, il buon Dio dimostra il contrario"

di mammenellarete - 18.07.2022 - Scrivici

bebe-prematuro
Fonte: Shutterstock
Ho avuto un parto difficile e  il mio bambino è stato per 104 giorni in Tin. Siamo stati tanto fortunati, lungo questo tortuoso cammino abbiamo incontrato innumerevoli angeli dal camice blu che ci hanno restituito la vita. Il 10 gennaio Francesco compirà 4 anni.

Per giorni ho rivissuto ogni istante di quel fatidico 10 gennaio del 2016. Ogni cosa ha preso forma ed è diventata reale. Francesco sarebbe dovuto arrivare in aprile, il 20 di quel mese sarebbero terminati i conti del mio ginecologo. Ma noi, alla primavera non ci siamo mai arrivati.

Ricordo quei momenti come se li stessi vivendo ora, con la stessa paura. Ero a casa, e da giorni avevo delle perdite ematiche che il ginecologo pensò bene di curare con degli antibiotici per combattere la candida. La verità è che mi si era rotto il tappo mucoso e, a distanza di altri giorni, notai dei filamenti di sangue in questi muchi.

Ricordo che fuori c'era almeno un metro di neve, per uscire di casa dovemmo far intervenire il comune per la pulizia delle strade. Quando arrivai in ospedale, in un attimo mi ritrovai circondata da un'infinità di medici ed infermieri. Fu questione di pochi minuti, ricordo la ginecologa di turno che tentava di spiegarci ogni cosa e mio marito le chiese: "Ok ma se dovesse nascere ora, andrà tutto bene?". Non mi dimenticherò mai quello sguardo, si voltò di scatto e gli disse: "Signore, stiamo parlando di aborto".

Non credo di aver provato mai tanti sentimenti in una sola volta. Paura, rabbia, delusione. Fui ricoverata all'istante e nonostante il parte fosse aperto, mi dissero che ogni ora era un'ora guadagnata. Pensai che il tempo sarebbe stato mio amico, e invece, solo il giorno dopo, ebbi un distacco di placenta. Ricordo il sangue, tanto sangue, e la voglia di chiudere gli occhi.

Accadde tutto ad una velocità disarmante, l'infermiera che tirò su il lenzuolo del letto per scoprire che ero in un lago di sangue. Il medico che diceva ai miei familiari che lui non era Dio, la corsa in sala parto, l'ostetrica che, nonostante il suo turno fosse terminato da un'ora, rimase lì con me a stringermi la mano, mio padre che in questa corsa chiese se era il caso di effettuare un cesareo e il ginecologo che gli rispose: "Non ne vale la pena".

E il dolore più grande che provai in quell'assurda corsa fu quando il medico disse a mio padre che se avessero dovuto scegliere chi salvare, avrebbero salvato me. Parlavano di numeri, di percentuali. Ed io pensavo solo che volevo che il mio bimbo vivesse.

In sala parto successe l'impossibile. C'erano tanti di quei medici che ancora stento a crederci. E mi fu chiesto di firmare la "Rianimazione Caritatevole". Io avrei dovuto scegliere se mio figlio doveva vivere pochi minuti o condannarlo ad una vita infernale, magari da vegetale. Mi fu spiegato ogni cosa, su come avrebbe potuto vivere un bambino di 25 settimane. Io l'ho firmata. In quel momento mi sentii egoista, una sensazione terribile.

"Dove la scienza dice che è impossibile, il buon Dio dimostra il contrario"

Pensavo: "E se andasse davvero come dicono loro, sarebbe giusto per lui?". Non lo sarebbe stato di certo, ma in quel momento io pensavo solo all'amore che provavo per lui, alla mia necessità di averlo nella mia vita. Francesco è nato da parto naturale, ancora nel sacco amniotico, speravano che il sacco non si rompesse per tentare di farlo crescere ancora lì.
 
Così non è stato. Ho sentito un pianto stridulo, un medico che urlava "ha fatto la pipì" e l'ostetrica che mi comunicava il peso. Da lì, è cominciata la nostra vita in Tin. Sì, perché abbiamo avuto la fortuna di avere una tin aperta 24 h.
 
E per 104 lunghissimi giorni, siamo rimasti accanto al nostro bambino. È stato l'alternarsi di giorni difficili ed altri carichi di aspettative. È stato un percorso duro che ancora oggi e che ha lasciato segni indelebili. Rientrare ogni sera a casa e non saperlo con noi, non sapere se sarebbe stato in grado di superare la notte e tornare in ospedale. . . arrivare al mattino dopo senza sapere cosa avresti trovato.


La verità è che siamo stati tanto fortunati, lungo questo tortuoso cammino abbiamo incontrato innumerevoli angeli dal camice blu che ci hanno restituito la VITA. Il 10 gennaio Francesco compirà 4 anni. È un bambino fantastico, testardo e pretenzioso, amante della vita. E soprattutto, è un bambino sanissimo.

Il medico che ha seguito la mia seconda gravidanza, quando gli parlai del precedente parto mi chiese se il bambino fosse "vivente" (a questa domanda ho risposto tante volte, ad innumerevoli medici). Alla visita successiva decisi di portarlo con me. A fine visita, ricordo che il ginecologo rimase a fissarci per un po' e alla fine ci disse: "Storie come quelle di suo figlio può trovarle solo nei libri di medicina".

Magari è così davvero. Intanto non posso che ringraziare Dio e tutte le persone che ci hanno seguito e sostenuto lungo questo cammino, medici ed infermieri impeccabili, che ci hanno concesso il lusso di amare incondizionatamente e senza tempo il nostro fantastico bambino.

"Dove la scienza dice che è impossibile, il buon Dio dimostra il contrario".  

Francesco, 950 gr, 32 cm, 25 settimane. Il nostro splendido miracolo.

di Sonia 

Vuoi raccontare la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio. it

TI POTREBBE INTERESSARE