Home Storie Storie del parto

Sono guerriera prematura nata a 29 settimane nel 1980

di mammenellarete - 30.08.2017 - Scrivici

prematuro.600
Fonte: Pixabay
Notte del 12 ottobre 1980. Arrivo io, poco più di 1 kg x 35 cm e di sole 29 settimane di gestazione...  Ovviamente ero piena di tubicini di flebo. Oggi ho 37 anni. Sono sana, ho un lavoro, un marito. Ho studiato come tutte senza problemi. Infanzia e adolescenza normali. Sono mamma, ovviamente di un prematuro, e sono fiera di come la mia vita è cominciata perché mi ha certamente arricchito!Questo, cari genitori, per dirvi che dovete credere nelle vostre piccole creature perché hanno una voglia di vita spiccata.  La strada no sarà facile: alti e bassi come comunque per qualunque bambino. Per noi forse un po' di più, ma passa e presto avrete il cuore pieno di gioia nel guardare i progressi dei vostri cuccioli.

Sono stata una stupenda sorpresa per mamma e papà.

Arrivata per caso, ma accolta con immensa gioia dai miei giovani genitori!

Da subito non è stata una gravidanza facile: minacce di aborto e costretta a letto, la mia mamma arriva al 10 ottobre.

Durante la mattinata, avverte i primi dolori con la conseguente rottura delle acque. Subito viene portata in ospedale dove inizia il travaglio lungo faticoso e doloroso!

Fino ad arrivare alla notte del 12 ottobre 1980. Arrivo io, poco più di 1 kg x 35 cm e di sole 29 settimane di gestazione...

Io risultava prematura e immatura. Subito con un autobus sono stata trasferita a un altro ospedale attrezzato per prematuri. Ad attendermi c'era mio zio allora maresciallo dei carabinieri, che cercava di far uscire un posto in incubatrice perché per me sembrava non ci fosse. Un altro trasferimento mi sarebbe forse costato la vita!

Ma la struttura ha immediatamente trovato un posto per me: una bella incubatrice calda e piena di tutti i "confort" e subito si sono presi cura di me...

Ovviamente ero piena di tubicini di flebo. Mi nutrivano e si accertavano che il mio stato di salute fosse ottimale...

E ogni volta che la mia mamma veniva a trovarmi, ogni grammo in più era una vittoria per tutti!

Mio papà racconta che capiva i miei miglioramenti dai tubicino in meno che avevo ad ogni visita e che avevo in testa. E quando mi hanno tolto anche quello ha detto a mia mamma: "E' fatta, non c'è più la flebo in testa". Forse aveva un po' di ragione. Non so se era collegata la cosa, ma quel giorno per la prima volta la mia dolce mamma mi ha potuto dare il biberon!!

Da lì strada è stata in discesa. La mia lotta per la vita era stata vinta!

Raggiunti i 2,5 kg di peso sono stata dimessa. Avevo 2 mesi e mezzo, potete immaginare la gioia dei mie inesperti genitori. Ma io cresceva piano piano. Sono sempre stata molto robusta di salute e una buona forchetta: non ho avuto nessun tipo di problema! Sono sempre stata una leonessa, ma noi piccoli prematuri dobbiamo lottare dal primo respiro e questo non ci abbandonerà mai. Un sesto senso sviluppatissimo! Quindi non stupitevi se i vostri piccoli vi anticiperanno con fatti che poi avverranno o saranno più sensibili e acuti.

E' così, ci è stato tolto tempo nel grembo materno, ma ci è stata regalata la possibilità di vivere con qualcosa in più.

Oggi ho 37 anni. Sono sana, ho un lavoro, un marito. Ho studiato come tutte senza problemi. Infanzia e adolescenza normali.

Sono mamma, ovviamente di un prematuro, e sono fiera di come la mia vita è cominciata perché mi ha certamente arricchito!

Questo, cari genitori, per dirvi che dovete credere nelle vostre piccole creature perché hanno una voglia di vita spiccata.

La strada no sarà facile: alti e bassi come comunque per qualunque bambino. Per noi forse un po' di più, ma passa e presto avrete il cuore pieno di gioia nel guardare i progressi dei vostri cuccioli.

Colgo l'occasione per ringraziare chiunque leggerà la mia storia che vuole solo darvi forza e coraggio e un'abbraccio virtuale.

Per me tutto ciò è terapeutico perché raccontando di me parlo della mia povera mamma scomparsa 3 anni fa.

Concludo dicendo: "Piccoli amici prematuri lottate per la vostra vita perché fuori il mondo è pieno di colori".

di mamma Glenda

(storia arrivata a redazione@nostrofiglio.it)

Ti potrebbe interessare:


Parto pretermine a 33 settimane
Ho partorito a 26 settimane... e ce l'abbiamo fatta!

Parto a 31 settimane: "sono felice di essere mamma di un bellissimo bimbo prematuro"

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati