Prematuro

Nato a 26 settimane. Il mio piccolo è un guerriero

Di mammenellarete
prematuro
2 gennaio 2020 | Aggiornato il 30 dicembre 2019
Il mio bambino è venuto al mondo a 26 settimane di gravidanza. Vi racconto la storia della nascita di Gaetano, il mio piccolo grande guerriero.
Facebook Twitter More

Sono la mamma di Gaetano, un guerriero nato a 26 settimane. Giunsi in ospedale per una semplice ecografia, per poi scoprire la rottura della sacca e la perdita di liquido amniotico a sole 19 settimane. Il tempo dell'ecografia ed ecco che mi cadde il mondo addosso.

 

Il dottore, con pochissimo tatto, mi disse: "Signora la situazione è critica. Per come stanno le cose, il feto può resistere 5 giorni. Si prepari ad un aborto spontaneo". Da allora iniziò il mio calvario.

 

Ricoverata da quella notte del 20 gennaio 2018, feci continue visite, ecografie, prelievi, iniezioni di antibiotico, anche tre volte al giorno. Facevano il monitoraggio del battito ogni mattina, e nel frattempo pregavo disperatamente affinché tutto andasse per il verso giusto. Così il mio grande guerriero arrivò a 26 settimane.

 

La mattina stessa iniziarono crampi all'addome, era il mio ometto che iniziava a stare stretto. Partirono così le contrazioni e nonostante varie flebo per cercare di fermarle... niente, volle nascere a tutti i costi.

 

Alle 23.10 del 07 marzo 2018 è venuto al mondo con una spinta che racchiudeva tutta la sua immensa forza, e così, dopo 109 giorni di Tin tra tanti alti e bassi, finalmente DIO mi ha Donato il regalo più prezioso del mondo: il mio Gaetano.

 
Aggiungerei, per tutte le mamme che si trovano nella mia situazione: abbiate fede e non sottovalutateli mai, così piccini e indifesi hanno la forza di lottare per vivere. Auguri a tutte le mamme.
 
 
di mamma Simona