Papà

Voglio dire a tutti i papà: entrate in sala parto, la vostra compagna ha bisogno di voi

Di mammenellarete
ipa_ermg7c

05 Ottobre 2017
Non dimenticherò mai quando è nata mia figlia, è stato il momento più emozionante della mia vita. Per questo voglio dire a tutti i papà di non essere timidi: il giorno del parto la vostra compagna ha bisogno di voi. 

Facebook Twitter Google Plus More

È il 10 febbraio 2015. Mia moglie viene portata in sala parto. Le ostetriche mi chiedono se  voglio entrare ad assistere. Bianco cadaverico, sudato e molto teso e rispondo, certo, è un dovere, mia moglie e la bambina hanno bisogno di me.

 

Dunque cuffietta, camice e scarpette... Tanto coraggio e mi trovo dentro. Mia moglie urla disperata, tra dolori di contrazione e quant'altro, io le sono affianco, le tengo la mano e inetto cerco di farle coraggio. A un certo punto l'ostetrica mi dice: "che ci fai li? Vieni qua di fronte che ti faccio vedere". Io rispondo: "No no grazie, non ci tengo proprio!". Ma continua a insistere, allora mi metto di fronte, e dall'interno notavo qualcosa: cos'è? Cos'è quella cosa? E l'ostetrica:

"La testa, ragazzo quella è la testa!". A quel punto non ci ho capito più nulla!

 

Mi giro da mia moglie: "Amore c'è la testa, ci sono i capelli ricci, si vede la testa,  spingi che ci siamo!". E lei tutta sfinita, dopo queste mie parole inizia a spingere come se non ci fosse un domani, una forza e un limite di sopportarzione infinito e senza limiti! A un certo punto vedo l'ostetrica prendere una forbice.

Subito distolgo lo sguardo perché subito dopo "Trrr trr" il rumore delle forbici: scioccante, terribile, seguito solo da un urlo un po' più acuto!!

 

Alla spinta successiva... È uscita Giulia! Sono momenti che non dimenticherò mai finché sarò vivo! L'esperienza più emozionante dei miei allora 29 anni.... E niente: a dicembre si ritorna in quella sala. 


Volevo dire a tutti i papà, mi raccomando, non siate timidi, il giorno del parto la vostra compagna ha bisogno di voi! E ve lo dice uno che si allontana anche alla vista di una puntura con siringa o a un prelievo! La forza che si acquisisce in quelle situazioni supera qualunque paura! E poi ricordate, che voi siete il membro principale della famiglia, e la famiglia è la vostra, e va protetta fin dal primo giorno della nascita! Mi piacerebbe sapere voi mamme e papà come la pensate.. Ma se in sala parto avete fatto entrare la mamma, o la sorella.. Evitate di commentare!

 

Storia di un papà editata dalla redazione. 

 

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

 

LE ULTIME STORIE