Parto gemellare

Gravidanza gemellare monocoriale e monoamniotica. Uno dei miei angeli è in cielo

Di mammenellarete
mamma-e-neonata
27 febbraio 2020
Ero incinta di due gemelline, ma purtroppo i medici mi dissero che avrei potuto perderne una poiché la gravidanza monocoriale e amniotica era a rischio. Mi preparai al peggio e così andò. La perdita di un figlio è una cosa alla quale non si è mai pronti.
 
 
Facebook Twitter More

Sono una mamma di 5 figli e voglio raccontarvi la storia del mio angelo volato in cielo. Alla mia quarta gravidanza rimasi incinta di due gemelline, era una gravidanza a rischio perché monocoriale e monoamiotica (erano entrambe nello stesso sacco).

 

A 9 settimane di gravidanza andai a fare un'ecografia, durante la quale mi dissero che erano due gemelle, ma che purtroppo una aveva l'acrania (mancanza dell'osso della testa), l'altra era sana. Dopo aver pianto per la situazione difficile io e mio marito decidemmo di continuare la gravidanza con tutti i rischi del caso.

 

Uno dei rischi principali era la morte di entrambe per attorcigliamento dei cordoni ombelicali. Fui seguita da un ospedale nel quale una psicologa mi aiutò a superare le paure e soprattutto a prepararmi alla morte di una delle due gemelle.

 

Gravidanza gemellare. Uno dei miei angeli è volato in cielo

 

A 32 settimane nacquero Isabel e Annabel. Isabel aveva 1870 grammi e fu messa in una incubatrice, Annabel era un piccolo scricciolo di 1350 grammi e riuscii ad averla vicina per un giorno intero. La sera del primo settembre volò in cielo lasciandomi un vuoto indescrivibile, per quanto fossi "preparata" il dolore fu tremendo.
 
 
Ringrazio il fatto che avevo sua sorella da accudire, anche se per elaborare il lutto mi ci sono voluti mesi e una quinta gravidanza, con la nascita della piccola Sofia! La perdita di un figlio è una cosa alla quale non sarai mai pronto. Un pensiero e un un abbraccio a tutte quelle donne che hanno avuto un'esperienza così terribile!
 
 
di Denise
 
 
(storia arrivata all'email della redazione Nostrofiglio.it)
 
 
Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it