Home Storie Storie del parto

Parto cesareo, un test per capire se serve

di mammenellarete - 02.09.2010 - Scrivici

hospital_590.180x120
In coda alle numerose polemiche di queste settimane sulle risse scoppiate in sala parto durante un cesareo, veniamo a conoscenza dell'esistenza di un test in grado di stabilire per tempo la necessità o meno di un taglio cesareo. La news segnalata dalla BBC illustra la tecnica usata da una società privata svedese chiamata Obstecare. Obstecare nasce a seguito di una ricerca condotta presso l’Università di Liverpool in collaborazione con il  Liverpool Women’s Hospital. Il fulcro della tesi è l'acido lattico. Che cosa significa? 

L'utero è a tutti gli effetti un muscolo che, se sotto sforzo, produce acido lattico. L’esame ha l'obiettivo di testare la concentrazione di acido lattico nel liquido amniotico della mamma. Se i valori sono buoni, significa che le contrazioni uterine non avranno la forza necessaria per portare a termine un parto naturale. Al contrario, se la mamma analizzata risulterà avere una bassa concentrazione di acido lattico, il suo utero sarà in grado di sopportare e fornire le contrazioni necessarie per un parto naturale, evitando così l’intervento chirurgico.

In Italia, il parto cesareo è sopra utilizzato, fino ad arrivare al 39% delle nascite. Il test di Obstecare è già in uso in Scozia, Norvegia e Belgio.

articoli correlati