Home Storie Storie del parto

Paralisi facciale dopo la nascita. La nostra esperienza

di mammenellarete - 08.01.2021 - Scrivici

neonato-che-piange
Fonte: Shutterstock
Nostra figlia è nata con una paralisi facciale. Oggi è una bambina bellissima, vivace, attiva, normalissima dal punto di vista della crescita. Ha raggiunto tutte le tappe rispetto all'età e dimostra però questo piccolo difetto ad un lato del volto.
Vi racconto la mia storia: non ho la tiroide e quando ho scoperto il test positivo mi sono subito attivata con l'endocrinologo per sistemare i valori tiroidei attraverso la terapia sostitutiva. All'inizio ci sono volute alcune settimane per far rientrare i valori. Non so se ciò ha influito sulla condizione di mia figlia.
 
È nata a 38 settimane, con parto naturale e dopo una gravidanza tranquilla. Fin da subito, appena nata, abbiamo tutti notato che la bambina aveva un occhio spalancato mentre piangeva e anche quando era tranquilla. Sembrava che un lato del volto fosse tirato e non si esprimeva.
 
Le hanno diagnosticato una paralisi facciale senza fare una risonanza. Le hanno fatto una ecografia che escludesse ematomi o forme tumorali. Avevano ipotizzato anche che il danno poteva esser dovuto ad una posizione della bambina sempre sullo stesso lato durante la gravidanza.
 
La bambina stava bene, anche se aveva difficoltà nell'attaccamento al seno. Dopo le dimissioni dall'ospedale ci siamo tornati ogni settimana per controllare il peso e le sue condizioni generali. Nel frattempo siamo passati al latte artificiale. Fortunatamente chiudeva l'occhio per dormire. I medici, all'ultima visita in ospedale, ci avevano detto di aspettare la crescita e che il volto si sarebbe sistemato da solo, al massimo dopo sei mesi avremmo potuto effettuare una risonanza.

Paralisi facciale alla nascita

Siccome, dopo il tempo previsto, il volto di nostra figlia era cambiato in meglio, ma soltanto di poco, abbiamo deciso di farla ricoverare presso un ospedale di Roma per approfondire la questione. La bambina aveva 7 mesi. 
 
Alla risonanza senza contrasto, il nervo non si è visto, ma all'elettromiografia facciale si è notata un piccola risposta del nervo, quindi si è presupposto che esso ci fosse, ma che fosse più piccolino. Oggi siamo in attesa del secondo ricovero per capire se, a distanza di altri sei mesi, il nervo si vedrà e sarà almeno un po' cresciuto. 
 
Nostra figlia è una bambina bellissima, vivace, attiva, una bella furbacchiona. Si fa capire in tutto. Normalissima dal punto di vista della crescita. Ha raggiunto tutte le tappe rispetto all'età e dimostra però questo piccolo difetto ad un lato del volto. Volevo sapere o conoscere qualche mamma che ha avuto il nostro stesso "problema" e quindi i nostri stessi dubbi, paure e timori. Non è una patologia frequente per fortuna, ma per tale motivo è difficile trovare storie simili alla nostre o anche confrontarmi con altre mamme.
 
di anonima 
 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

TI POTREBBE INTERESSARE