Home Storie Storie del parto

Papà in sala parto: sì o no?

di mammenellarete - 18.02.2013 - Scrivici

sala-parto-400.1500x1000
Le vostre storie sul parto Lui in sala parto con te: sì oppure no. I racconti delle mamme sul parto dal punto di vista di LEI.

“Che LUI sarebbe stato presente non lo abbiamo mai stato messo in dubbio. Ma forse non avrebbe immaginato - primo cucciolo in uscita - che durante il travaglio avrei urlato come una pazza priva di qualsiasi autocontrollo, dicendo cose che neanche uno scaricatore di porto ... penso che si sia sentito impotente ... ma contento di esserci e di cogliere il primo sguardo del cucciolo. Che notte quella notte! Difficile anche da voler ricordare. Cucciola numero due: il mio autocontrollo è un po' migliorato, ho soltanto urlato una volta "brutti b******i mi avevate promesso l'epidurale e adesso non faccio più in tempo? Vi denuncio tutti!!!" e poi mi sono comportata benino. Quando è nata Chiara, all'alba, tutto ci è sembrato luminoso, arancione. E' stato bellissimo, uno di quei momenti in cui senti la felicità lungo la spina dorsale e poi ti esce dal sorriso e dagli occhi. No, a meno che non ci siano cause mediche, non bisogna privare i papà di questi momenti! (Sarah)

 

“Papà in sala parto? Si, se se la sentono sono bene accetti... però dovrebbero saper tenere un comportamento consono alla situazione. Tipo, se tua moglie urla a squarciagola dal dolore, NON dirle: "Cara, non è il caso di alzare così la voce, focalizza la mente sul respiro, non urlare, disperdi energie se urli..." A uno così in quei momenti "disperderei" i gioielli di famiglia, altro che energie... Tipo, se la moglie è allo stremo delle forze dopo ore e ore di travaglio, non stravaccarti su una poltrona dicendo "Sono sfinito dormo un po'"... non sta bene, no... Ci vuole un manuale di comportamento per i papà in sala parto...” (Enrica)

 

“L'ostetrica al corso pre-parto ci aveva allertate sulla possibilità che i papà che assistono al parto possano restare traumatizzati ed avere problemi a riprendere i rapporti dopo il parto. E infatti all’ospedale dove ho partorito i papà devono stare a fianco al lettino vicino alla testa della mamma, guai a chi sbircia! In realtà poi durante la mia luuunga ricucitura Davide passeggiava su e giù per la sala parto cullando il nostro bambino e in un momento di lucidità gli ho blaterato qualcosa sul non guardare là... Precauzione perfettamente inutile a quel punto, era totalmente e irrimediabilmente rapito da suo figlio, avrei potuto avere un dragone cinese con tanto di lanterne in mezzo alle gambe e lui non ci avrebbe fatto caso” (Spikeena).

 

“Credo che non sarei riuscita a condurre Pat fuori dalla sala parto neanche se lo avessi minacciato di una morte lenta e dolorosa. Si è piazzato di fonte all'uscita di Robi ed è mancato poco che lo facesse nascere lui. Traumi? Ma dove? La settimana dopo voleva già programmare il secondo! Uéi!!!” (Patfra)

 

“Io ho avuto tre cesarei e l'essere sola in quella sala gelida,in un momento così carico d'emozione, è veramente una crudeltà... mio marito mi è mancato tanto, mi è mancato il suo sguardo, la sua mano stretta nella mia, mi è mancato il suo modo dolce di rassicurarmi e farmi sentire forte.... Credo che per una donna sia importante avere il proprio compagno di vita accanto a sé durante il parto...mio marito soffre molto per non esserci stato!!!” (Ommi)

 

“No non mi sarebbe piaciuto che lui assistesse al parto. Già il fatto che entrasse ed uscisse dalla sala travaglio mi dava fastidio. Ho urlato come una dannata per otto ore perché Sonia non si incanalava. Mi vergognavo come una ladra, ho cacciato fuori anche mia sorella che non ha ancora avuto bambini. Purtroppo credo nella possibilità di traumi che non ti fanno vivere serenamente il futuro”. (Lisasonia).

 

“Mio marito in sala parto?! NONONONONO. Mio marito si lascia prendere troppo dall’emozione, conoscendolo lo ritroverei per terra in sala parto. Anche se lo vorrei vicino quando nascerà il nostro piccolo, so che sarebbe uno stress troppo forte per lui. Già é una tragedia quando mi taglio un dito, figuriamoci quando partorirò. Finirebbe che dovrei dare io forza a lui. Hahahaha” (Rosy 79)

 

Le vostre storie sul parto sono tratte dal forum di nostrofiglio.it

 

"Ti potrebbero interessare anche...

 

 

articoli correlati