Home Storie Storie del parto

Mamme, condividete il momento del parto con il vostro compagno!

di mammenellarete - 12.02.2015 - Scrivici

uomo-parto.1500x1000
La mia storia ha inizio sei anni fa quando dopo esserci lasciati da due anni con i nostri rispettivi ex ci rincontriamo con il mio "lui" su Facebook... Entrambi iscritti da una poco più di una settimana sul social network... che coincidenza! Cominciamo a parlare, ci incontriamo e finiamo per innamorarci perdutamente... La storia procede a gonfie vele a tal punto che dopo soli due mesi lui si trasferisce nel mio paese!

Passano quattro anni di fidanzamento e decidiamo di coronare il nostro amore sposandoci il 20 aprile 2013 io a 23 anni e lui a 29!

Dopo un mese dal matrimonio scopriamo che è in arrivo la nostra tanto attesa e desiderata Gaia... voluta con tutto il nostro cuore ed amore! Tuttavia la felicità viene subito travolta da delle minacce d'aborto che mi tengono ferma a letto per circa un mese! Passato questo periodo la gravidanza procede benissimo, fino a quando alla 26 settimana il ginecologo riscontra delle contrazioni che hanno portato ad un accorciamento del collo dell'utero con possibilità di parto prematuro... e così inizia nuovamente un periodo di profonde preoccupazioni date dalla paura di poter perdere la nostra dolce creatura! Nonostante questo, grazie a Dio, la nostra bimba decide di voler nascere lo stesso giorno in cui era previsto il termine della gravidanza... infatti alle ore 17:55 del 16 febbraio 2014 è venuta al mondo la nostra piccola Gaia!

Al mio parto ha assistito mio marito nonché mio compagno di vita e posso dirvi che senza di lui non c'è l'avrei fatta! Mi ha sostenuto ed insieme abbiamo dato vita a nostra figlia!

Dico a tutte voi future mamme di condividere con i vostri mariti e compagni questa gioia perché vi legherà indissolubilmente e potrete gustare di quella che viene chiamata felicità vera negli occhi di chi amate! Che dirvi adesso la nostra birba ha sei mesi ed è la nostra vita! Un bacione a tutte!

Mamma Federica

(storia arrivata come messaggio privato sulla nostra pagina Facebook)

Ti potrebbe interessare:

articoli correlati