Home Storie Storie del parto

Mamme che nascono e il sostegno post parto

di mammenellarete - 23.11.2011 - Scrivici

post-parto-400.180x120
Nasce a Perugia un corso a numero chiuso per aiutare le donne che hanno difficoltà nell'affrontare la maternità. Attraverso la fan page di Mamme nella rete siamo venute a conoscenza della nascita di un nuovo progetto per il sostegno e il mutuo aiuto tra mamme nel periodo post parto. Mamme che nascono, questo il nome dell'idea, ci conferma che il periodo che segue la nascita di un figlio è caratterizzato da notevoli stravolgimenti fisici, psichici e esistenziali. La donna è chiamata a rivestire il proprio ruolo di mamma e allo stesso tempo a continuare ad essere “quella di prima” cioè donna che lavora, compagna attenta e sexy, figlia che si cura dei genitori, amica dinamica e presente.

---

Ti potrebbero interessare anche...

La pressione che suscita questa ambivalenza può potenzialmente alterare l’equilibrio psicologico fisico e sociale di qualsiasi donna in una società che la spinge spinta ad essere mamma emancipata ma che poi la rimprovera se prende troppo spazio per se stessa sottraendolo a quello per il figlio. Le donne in questa fase di vita si trovano loro malgrado a provare emozioni contrastanti: la gioia per il nuovo arrivo, il senso di completezza, nuova forza ed energia si accompagnano a vissuti di inadeguatezza, sensi di colpa, tristezza, voglia di piangere senza motivo, sensazione di non essere capite dal proprio partner.

In molti casi la neomamma prova vergogna per questi vissuti e anziché condividerli si chiude in se stessa sentendosi sempre più sola ed isolata dagli altri. L’obiettivo principale di Mamme che nascono è offrire uno spazio di accoglienza dell’esperienza si maternità che la donna vive o ha vissuto, in un’atmosfera informale, spontanea, non giudicante, in cui si percepisca la possibilità di portare alla luce questi vissuti, condividerli con altre donne che stanno vivendo le stesse gioie e le stesse paure, con la costante supervisione della psicologa.

Gli incontri di gruppo si rivolgono a donne di tutte le età che attraversano il periodo successivo al parto o che lo hanno attraversato e sentono il desiderio di condividere la loro esperienza . Il corso avrà inizio da domenica 1 gennaio 2012 presso le sale del Palazzo della Provincia di Perugia. Il gruppo si presenta come uno spazio in cui esporre e condividere le proprie emozioni, sensazioni, difficoltà, problematiche e disagi relativi ai cambiamenti legati alla nascita del proprio/i figlio/i. Sono previsti 10 incontri, ciascuno della durata di 2 ore, con cadenza settimanale.

L’incontro è strutturato in due diversi momenti: una prima parte dedicata alla narrazione e alla rielaborazione degli eventi significativi proposti dalle partecipanti in cui il gruppo si predisporrà ad un ascolto empatico con il costante sostegno della psicologa ed una seconda parte, coordinata dall’Ostetrica, dedicata ad attività teorico-pratiche quali:

  • rilassamento corporeo guidato;
  • esercizi yoga;
  • attività esperienziali con musiche, filmati, letture in prosa e poesia;
  • massaggio e auto massaggio.

La psicologa a cui si appoggeranno le mamme è Claudia Crispolti. Da sempre sensibile ed attenta a tutto ciò che riguarda il mondo della donna, consegue la laurea in psicologia clinica e della salute, presso l’Università degli studi di Firenze, con tesi su “Yoga e salute in una prospettiva biopsicosociale”; svolge parte del tirocinio formativo presso il centro anti-violenza di Firenze per donne e minori “Artemisia”. Collabora con l’equipe multidisciplinare per i disturbi del comportamento alimentare della dottoressa Laura Dalla Ragione, presso palazzo Francisci di Todi (Perugia) occupandosi di psicodiagnosi, prevenzione e formazione nelle scuole superiori in Umbria e in Toscana; collabora con la rivista on line “gli psicologi”; svolge attività di libera professione a Firenze e a Perugia occupandosi delle varie forme di disagio che riguardano il singolo, la coppia, la famiglia.

Per ulteriori informazioni 3482262429 claudiacrispolti@libero.it

Foto - Flickr

Ti potrebbero interessare anche...

TI POTREBBE INTERESSARE