Home Storie Storie del parto

L'allattamento mi ha salvata dalla depressione

di Nostrofiglio Redazione - 18.03.2013 - Scrivici

allattamento-al-seno-400.180x120
Prendermi cura di lei attraverso l'allattamento mi ha letteralmente salvata dalla depressione, dal senso di inutilità che stavo provando; in quei momenti io e solo io potevo darle tutto ciò che le serviva, e non mi riferisco solo al nutrimento, ma soprattutto al calore ed all'affetto che per nove mesi (abbondanti!!) le avevo già dato... di Monica

Il mio parto non è stata un'esperienza idilliaca; purtroppo il travaglio e' stato molto veloce poiché si è dovuto far ricorso all'induzione essendo scadute le 40 settimane da ormai 9 giorni; per di più, il personale che mi ha assistito non ha saputo fronteggiare l'emergenza (per rispetto comunque non dirò in che ospedale ho partorito, anche perché c'e' in corso una causa giudiziaria). Risultato: lacerazione di terzo grado del perineo anteriore con rottura completa degli sfinteri anali interno ed esterno.

 

Ho percepito subito che non sarei stata una di quelle mamme che dopo una settimana vanno a fare le passeggiate col passeggino. E' stata durissima, non mi sono potuta sedere per un mese e soffrivo di incontinenza... Un vero calvario...

 

Ho adorato fin da subito la mia bambina che, almeno lei, era sana come un pesce, era bellissima, e lo è diventata sempre di più!! All'inizio non riuscivo ad occuparsi molto di lei per via della lesione, mia madre e mio marito mi hanno assistito molto; per fortuna che i bimbi nascono leggeri, altrimenti non avrei potuto nemmeno tenerla in braccio! È stato ciò che c'era di esclusivo fra me e lei che in quei momenti bui, in cui pensavo ma: "perché proprio io?!", mi ha fatto sentire MADRE; prendermi cura di lei attraverso l'allattamento mi ha letteralmente salvata dalla depressione, dal senso di inutilità che stavo provando; in quei momenti io e solo io potevo darle tutto ciò che le serviva, e non mi riferisco solo al nutrimento, ma soprattutto al calore ed all'affetto che per nove mesi (abbondanti!!) le avevo già dato.

 

Quando poi la mia bimba era pressoché svezzata ho subito un doloroso intervento di riparazione del perineo anteriore e degli sfinteri anali e fra antidolorifici ed antibiotici non ho potuto certamente allattare; tutti mi dicevano: "Hai fatto già tantissimo, lascia stare, la bimba cresce bene ormai mangia, se il latte ti va via pazienza!" Io so che come discorso non faceva una piega ma insistere a mantenermi il latte ( per una settimana me lo sono tirato col tiralatte elettrico) e' stata la scelta più giusta che avessi potuto fare.

 

Ti potrebbe interessare: Allattamento: tutto quello che devi sapere

 

Ma non potevo assolutamente muovermi, per un mese sono stata a letto e l'unica cosa che potevo fare per lei e con lei, ancora una volta ritrovandoci in un tenero intimo abbraccio, era allattarla, sul lettone

 

Leggi anche: storia del mio allattamento a richiesta

 

Ho allattato la mia bambina per 13 mesi

 

Posso dire che allattare mia figlia mi ha salvata, due volte;

 

Ci sono mille modi per sentirsi madre ed io, in un momento in cui avrei potuto perdermi, ne ho avuto uno che per me e valso tantissimo!

 

Ti potrebbe anche interessare:

 

 

redazione@nostrofiglio.it

 

Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it

 

articoli correlati