Home Storie Storie del parto

La rottura delle acque

di mammenellarete - 06.02.2009 - Scrivici

rottura_acque_big.180x120
La rottura delle acque è il vero momento di transizione prima del parto sia per la mamma che per il bambino. Il bambino sta per passare ad una nuova realtà, in cui respirerà da solo e dovrà imparare ad essere fisicamente indipendente. La mamma, invece, sta per abbandonare il suo pancione, ripristinando l’assetto del suo corpo che si è adattato a posizioni fisiche diverse, cercando un nuovo baricentro. Durante i novi mesi della gravidanza, il piccolo è avvolto nel sacco dell’utero (la placenta), che contiene anche il liquido amniotico. Quando si rompono le acque, è il liquido amniotico a "rompersi", cioè a fuoriuscire e pronto ad accompagnare il bambino alla nascita.

Ti potrebbero interessare anche...

Questo momento che anticipa il travaglio non è doloroso e ci si accorge che il momento è arrivato quando la donna si sente bagnata e perde "fisicamente" il liquido amniotico.

Il liquido amniotico è caldo ed è trasparente come l’acqua: non si può confondere con le urine; a differenza dell’acqua, presenta delle particelle bianche simili al caglio, dette fiocchi di vernice caseosa.

Le acque calde sono il primo segnale del parto imminente, quindi bisogna affrettarsi a raggiungere il primo ospedale. Questo momento, però, non deve essere vissuto con eccessivo spavento e bisogna prenderlo con tranquillità e pragmatismo. Può avvenire anche molte ore prima dell’inizio delle doglie, permettendo alla mamma di prepararsi anche moralmente allo sforzo che dovrà compiere per far partorire.

Una volta giunti in ospedale, avverrà il monitoraggio della frequenza cardiaca del bambino ed il regolare controllo della dilatazione dell’utero: esso si dilata, con contrazioni ritmate e quando l’ estensione raggiunge i tre - quattro centimetri, la donna può considerarsi in travaglio attivo.

A volte può accadere che avvenga la dilatazione completa, senza rottura delle acque. In questi casi, è il personale medico a provocarla (questa azione si chiama amnioressi: rottura artificiale delle membrane) tramite un uncino di plastica (amniotodo).

Discutiamone con le altre mamme sul nostro forum "E' nato!"

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati