Home Storie Storie del parto

La nascita di mia figlia: il giorno più bello della mia vita

di mammenellarete - 28.01.2014 - Scrivici

neonato1.180x120
Oggi anch'io ho deciso di raccontare la mia storia. La nascita della cosa più bella che mai avrei potuto fare... Non ho mai avuto istinto materno... Anzi, alle volte mi trovavo anche ad essere poco "tollerante" nei loro confronti. Poi mi è cresciuta la pancia... Si muoveva tantissimo, mi ha sicuramente fatto un sacco di compagnia. E' stata una bella gravidanza, a parte "qualche" notte insonne. Il termine previsto era il 15 aprile del 2012. 

Avevo una pancia enorme..

 

L'ultima settimana è stata caratterizzata da doloretti che mi venivano sempre di sera, dopo cena.

 

E così è stato anche il 13 aprile: dopo una bella carbonara (eh eh eh cenetta leggera!!! ;-) ) di nuovo quei doloretti. Così decido di andare a letto.

 

Mi sveglio di colpo all'1 di notte, con un dolore forte. Mi alzo e decido di andare in bagno.

 

E lì, mi si rompono le acque... (anche se all'inizio non era così chiaro che fossero proprio quelle!!)

 

Sono stata un po' lì, poi ho deciso di chiamare il mio compagno.

 

Si è svegliato di colpo, povero!

 

Ho avuto la fortuna di avere una vicina di casa ostetrica. L'abbiamo chiamata. Una visita veloce...e mi stavo già dilatando. Le contrazioni erano partite... e vicinissime.

 

Mi faccio una doccia. Lavo i capelli...e faccio la piastra (c'è ancora chi ride quando lo racconto. Perché riuscivo a fare la piastra dopo ogni contrazione...)

 

Verso le 5 un nuovo controllo e mi dice: "Se vuoi fare l'epidurale...dobbiamo andare".

 

Io sono sempre stata terrorizzata dall'idea di partorire, quindi volevo l'epidurale a tutti i costi.

 

Ma in quel momento ero sdraiata sul letto. Il mio compagno mi massaggiava la schiena. Il tempo è passato e io neanche me ne sono resa conto, fino a quando, alla visita successiva mi è stato detto: "Se non vuoi partorire qui....dobbiamo proprio andare".

 

OH MIO DIO!

 

Mi hanno aiutata a vestirmi e siamo andati in ospedale.

 

Appena arrivati... Subito tracciato e subito sala parto.

 

Mentre camminavo verso la sala parto ho chiesto all'ostetrica: "Quando me la fanno l'epidurale"?!?

 

E la risposta è stata: "Quale epidurale, sei completamente dilatata. Nel giro di un'ora partorisci!" O MIO DIO! Niente epidurale!

 

...riuscivo a pensare solo a questo.

 

Erano circa le 8 di mattina.

 

Sono iniziate le spinte....

 

Ma non me la sono cavata in un'ora come previsto.

 

C'era un problema... La bambina sembrava "incastrata".

 

Ci sono volute 4 ore di spinte e il ginecologo con tutto il suo peso che mi spingeva sulla pancia per farla uscire.

 

Io ero molto stanca. Tra una contrazione e l'altra quasi dormivo...quindi ho ricordi un po' offuscati.

 

Ricordo a mala pena quando me l'hanno messa sul petto, prima di farle il bagnetto.

 

Alle 12:19 del 14 aprile 2012 è nata Alice... 3.690 kg x 51 cm.

 

Ora guardo quest'esperienza come la cosa più bella e magica che mi sia mai capitata.

 

E sono stata fortunatissima a poterla condividere con il mio compagno che mi è stato vicinissimo. Mi faceva sentire al sicuro, nonostante dovessi fare comunque tutto da sola.

 

Sono sincera. Non credevo potesse portarmi una gioia simile. E invece ogni giorno mi chiedo come facevamo prima senza di lei...

 

di Silvia

 

(storia arrivata per email a redazione@nostrofiglio.it)

 

Ti potrebbe interessare:

 

 

redazione@nostrofiglio.it

 

Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

 

articoli correlati