Home Storie Storie del parto

La nascita della mia bambina

di mammenellarete - 02.12.2013 - Scrivici

neonata.180x120
Ore 6:00 del 16 ottobre 2012. Delle piccole fitte mi hanno svegliata. Sembravano i classici dolori del ciclo. Mi alzo dal letto con il mio super mega pancione, di lì a poco una piccola traccia rossa mi fece capire che forse ero giunta al giorno tanto atteso... Con molta calma mi feci la doccia e intanto le contrazioni si fecero sempre più fastidiose, mio marito in preda al panico chiamò il ginecologo che gli consigliò di portarmi in ospedale per un monitoraggio. Nella calma più totale,

tra una contrazione e l'altra, presi la mia bella valigia e andammo in ospedale.

 

Alle 9:00 giunsi in ospedale e dopo la visita e il monitoraggio mi comunicarono che mi avrebbero ricoverata perché avevo già il parto dilatato di 3 cm. Avevo molta paura, ma ero anche felice che di lì a breve avrei abbracciato finalmente la mia piccola. Dopo il ricovero sistemai le mie cose meravigliandomi di come stavo sopportando i dolori che ormai arrivavano ogni 5 minuti. Sottobraccio a mio marito iniziai a camminare per i corridoi dell'ospedale accorgendomi che nel frattempo mi avevano raggiunta mia madre e mia sorella: i loro visi non erano del tutto confortanti...

 

Arrivammo alle 2 del pomeriggio. Fui di nuovo visitata e il parto era arrivato a 6 cm. La stanchezza iniziava a farsi sentire, ma non volevo e dovevo mollare. Scelsi di mettermi in sala travaglio e di farmi una lunga doccia calda per alleviare i dolori. Tra una posizione e l'altra arrivai alle 18 ma la situazione non cambiava. Decisero quindi di rompere il sacco per arrivare a dilatazione completa . (LEGGI ANCHE: PARTO NATURALE, LA MIA STORIA)

 

Ore 19:30. La dilatazione c'era, lo sfinimento pure e anche la rassegnazione. Iniziai infatti a chiedere il cesario perché ero esausta. In quella fase ci fu il cambio turno e arrivò un ostetrica che con i modi alquanto bruschi cercò di farmi reagire alla situazione e fu proprio grazie a lei che le cose presero il verso giusto.

 

Mi somministrarono una flebo di ossitocina e finalmente le contrazioni avevano l'intensità giusta per iniziare a spingere... mio marito era lì con me è mi fu di grande aiuto per tutto il travaglio e soprattutto durante le spinte.

 

Il dolore era atroce.

 

Ore 21:20. Mi trasferirono in sala parto di corsa ed è iniziato il momento più bello, l'ostetrica mi disse che con 4 spinte sarebbe nata. Iniziai a fare il conto alla rovescia e mi concentrai nel trovare la forza per spingere ............ 4 ....3......2.....1....

 

Ore 21:47. E' nata la mia principessa di 3420 per 49 cm. Sono stati i dolori più belli della mia vita e il momento più emozionante della mia vita. Quando l'ho stretta tra le mie braccia e mi ha guardata con i suoi occhioni azzurri la mia vita è cambiata ed ho conosciuto un tipo di amore che auguro a ogni donna di provare.

 

Sono Fiera di aver vissuto il parto fino in fondo senza alcun tipo di anestesia... magari per il secondo ce lo faccio un pensierino :-).

 

di Silvia

 

(storia arrivata per email a redazione@nostrofiglio.it)

 

Ti potrebbe interessare:

 

 

redazione@nostrofiglio.it

 

Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

 

articoli correlati