Home Storie Storie del parto

Il post parto: il rifiuto del sesso

di mammenellarete - 11.03.2009 - Scrivici

rifiuto-sesso_big.180x120
Dopo il parto molte donne possono incontrare alcuni problemi importanti, come quello legato alla ripresa dell’attività sessuale con il proprio partner. Quando una neomamma ha affrontato un parto naturale, l’attività può riprendere dopo circa una quarantina di giorni. Nel caso di un parto cesareo, bisogna avere più pazienza ed aspettare qualche tempo in più. Quando nasce il piccolo, i motivi per cui una donna rifiuta il sesso, sono legati a questioni fisiche e psicologiche. Innanzitutto, dopo il parto una donna deve “fare i conti” con il dolore fisico causato dal taglio cesareo oppure dalla episiotomia: il taglietto che coinvolge il perineo, il muscolo situato tra la vagina e l’ano. Può essere effettuato o in verticale, oppure dal basso della vagina verso la natica. Viene effettuato per facilitare la nascita del bambino, ma è del tutto normale e la ferita viene ricucita con punti riassorbibili.

Quindi, questo tipo di “manipolazione” avvenuta durante il parto, può anche rendere difficile la penetrazione: una donna teme ancora di provare dolore fisico e tende a mettere in tensioni i muscoli (anche se involontariamente), come avviene in alcuni disturbi legati proprio all’attività sessuale.
Questo tende a far scendere, nella donna, il grado di libido che può anche essere accentuato dagli sbalzi ormonali che continua a subire dopo il parto: il livello di ormone prolattina, indispensabile per l’allattamento, aumenta proprio in questo momento. È anche questo uno dei fattori legati al “problema”.

 

Altri disagi derivano dalla questione psicologica della donna che ha partorito.
Può sentirsi poco attraente nei confronti del partner a causa della sua modificazione fisica durante la gravidanza: l’aumento del peso, la pelle floscia, le smagliature. Questa inferiorità fisica, rispetto al periodo precedente la gestazione, può rendere insicura la donna che tende a rifiutare il rapporto sessuale.

 

“preoccupazione materna primaria”

 

bambino

 

gravidanza

 

Non bisogna tralasciare che la donna ha subito dei cambiamenti a livello fisico e psicologico: la trasformazione del suo corpo ( che si accentua a partire dal secondo semestre di gravidanza in cui non ci si sente più attraenti), la novità del bambino, l’abbandono (dopo nove mesi) del pancione. Tutto ciò, unito ad alcuni momenti di sconforto legati anche alla responsabilità di fare la mamma (soprattutto nelle primipare), può comportare il rischio della depressione post – partum.

 

Il post parto è una condizione non molto semplice: le abitudine sono cambiate completamente quindi è bene avere pazienza e capire che il periodo passerà. Affrontarlo con coscienza è la soluzione migliore che aiuta a darsi forza e rimboccarsi le maniche.

 

Come è stato il tuo post parto? Affronta l'argomento con le altre mamme nel nostro forum "E' nato"!

 

articoli correlati