Home Storie Storie del parto

Il mio parto superveloce

di mammenellarete - 16.12.2019 - Scrivici

neonato-sereno
Fonte: shutterstock
Questa è la mia bellissima storia di una gravidanza meravigliosa e di un parto ancora di più, da allora sono passati sette mesi oggi e lo rifarei altre mille volte.

Anche io ho avuto un parto super veloce e tranquillo: Ginevra e la mia prima figlia e unica per ora.

Nel primo trimestre ho avuto problemi con la gravidanza perché non producevo abbastanza progesterone e me lo hanno integrato tramite delle pillole. Riposo assoluto per tre settimane e poi tutto è andato per il meglio: una gravidanza fantastica.

Facevo tutto e di più senza mai fermarmi. Il giorno del parto ero a casa con il mio cane, ero indecisa se farmi la doccia e sistemare i capelli o preparare un tiramisù per me e mio marito. Mi sentivo dei piccoli dolori dalle 6 del mattino, ma pensavo fossero dolori per il mal di schiena: ormai ero alla 40 quarantesima settimana di gravidanza.

Decido di fare la doccia, sistemo i capelli e mi trucco, porto il mio cane per una passeggiata. Mio marito arriva del lavoro e gli dico che mi sentivo un po' strana.

Alle 17:30 ho la prima forte contrazione e decidiamo di andare in ospedale.

All'arrivo in ospedale ero già dilatata di tre cm, chiedo l'epidurale per paura di sentire tropo dolore e dopo due ore me la fanno. Finalmente mi rilasso, ma un'ora dopo sento la necessità di spingere. Davanti agli occhi increduli delle ostetriche inizio a spingere, mezz'ora dopo nasce Ginevra alle 01:20. Non piangeva e mi ero preoccupata. L'ostetrica mi ha detto che era venuta in pace che stava benissimo.

Chiedo a mio marito di scattarmi una foto, la prima foto con mia figlia. Ma era troppo impegnato a piangere in ginocchio vicino al letto.

Questa è la mia bellissima storia di una gravidanza meravigliosa e di un parto ancora di più. D allora sono passati sette mesi oggi e lo rifarei altre mille volte.

una mamma

(storia arrivata alla pagina Instagram di Pianetamamma)

Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it

Aggiornato il 22.06.2020

TI POTREBBE INTERESSARE

articoli correlati