Home Storie Storie del parto

Il mio parto oltre il termine: "la mia bimba è venuta al mondo in pochi minuti"

di mammenellarete - 30.07.2014 - Scrivici

IDM-0021085037-400x266.180x120
Care mamme, voglio raccontarvi il mio secondo parto. L'anno 2013 è un bruttissimo anno, a parte la bella notizia relativa all'attesa della mia seconda bambina. Inoltre, fortunatamente il mio matrimonio va a gonfie vele: abbiamo già una bimba di 4 anni e siamo tutti felici. Però, esattamente il 2 aprile del 2013, viene a mancare la mia adorata e stupenda nonna. Per me è una pugnalata al cuore, ma la mia piccola, che porto ancora in grembo, mi dà forza per andare avanti. Nel frattempo siamo molto contenti per il nuovo figlio che arriverà a breve e io spero, in fondo al cuore, che sia un maschio, per poter far contento mio suocero e dargli il suo nome! Ma questa felicità svanisce proprio con la sua morte il 15 dicembre: non ho neanche il tempo di dirgli se è una femmina o un maschio, farò infatti la morfologica il 23 dicembre. Dopo la dipartita di mio suocero, il dolore e la sofferenza sono all'apice.

Non riesco a smettere di piangere. Il 19 dicembre scopro che mio zio è entrato in coma farmacologico e dopo poco tempo c'è nuovamente un'altro funerale. Talmente forte è il dolore per le perdite subite, che per poco dimentico di andare a fare le visite ginecologiche. In pratica non ho potuto vivere serenamente la gravidanza.

 

Finalmente arrivo alla 41esima settimana più quattro giorni, ma la mia piccola non vuole nascere, sono stanca sia fisicamente che moralmente. Praticamente distrutta!

 

Il 12 maggio vado a fare il tracciato e non ho ancora contrazioni e dilatazioni. Solo la pressione è un po' anomala: 40 con 80, ma il medico mi dice che non è niente di grave! Torno a casa e la sera vado a letto, ma non riesco a prendere sonno. Mio marito alle due di notte va a lavoro come sempre.

 

Ma non mi sento bene, ho mal di stomaco e verso le 5.30 il dolore aumenta notevolmente. Chiamo mio marito, che capisce tutto senza neanche farmi parlare. Poi chiamo mio padre, che mi porta subito al pronto soccorso. Vado subito in sala parto: ho ben 12 cm di dilatazione! A farmi partorire ci sono solo un ginecologo e un'infermiera.

 

Mio marito arriva in tempo per assistere al parto e in SOLI 15 minuti nasce la mia piccola Giovanna. Mi sono goduta al massimo questo parto, che è stato bellissimo, anche se poi dopo ho avuto qualche piccola complicazione. Fuori dalla porta non c'era nessuno, tranne mio padre, ma so con certezza, cara nonna, caro suocero e carissimo zio, che voi siete stati lì a darmi la forza e il sostegno di cui ho avuto bisogno!

 

di mamma Elena

 

(storia arrivata all'email redazione@nostrofiglio.it)

 

Il mio parto oltre il termine
Non esistono parole per descrivere la gioia di quel momento: la storia del mio parto naturale
Parto pretermine: un miracolo dopo una gestosi

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it

 

articoli correlati