Home Storie Storie del parto

Il mio bimbo, nato inaspettato a 27 settimane

di mammenellarete - 11.12.2023 - Scrivici

giornata-mondiale-del-prematuro
Fonte: shutterstock
Mio figlio in incubatrice a 130 km da me. Il nostro campione ha la forza di un leone, e noi siamo con lui. Auguri a tutti i bambini e ai loro genitori, a questi piccoli campioni.

In questo articolo

Il mio parto improvviso a 27 settimane

Sono la mamma di Gaspare, il nostro tanto desiderato bambino. Desideravo condividere la mia storia.

Mio marito ed io abbiamo sognato questo bambino più di qualsiasi altra cosa al mondo. Il 10 giugno è stato un giorno colmo di emozioni, i nostri cuori palpitarono vedendo quelle due linee sul test. Chiamo immediatamente il mio ginecologo e gli comunico la notizia positiva; mi dà appuntamento per il 15 giugno. Quando arriva quel giorno, siamo super emozionati nel vedere la sagoma del nostro piccolo. La gravidanza procede bene; guadagno solo 5,5 kg, la pancia comincia a vedersi, e io sono felice.

Scopriamo il sesso: un maschietto. Una festa in famiglia celebra la lieta notizia. Tutto sembra procedere bene fino al 17 novembre, nella 27ª settimana. Il ginecologo conferma che tutto è a posto e che il bambino è in posizione, anche se mantiene una bassa statura.

Il 19 comincio a provare dolori e noto perdite rosa. Al pronto soccorso mi consigliano di recarmi in un ospedale con un reparto neonatale, poiché notano che l'utero si è contratto. Tuttavia, non è così, poiché i dolori svaniscono quando torno a casa, pensando che fosse solo un disagio temporaneo.

Ho partorito in sala travaglio

Tutta la notte i dolori persistono, e alle 6.30 le acque si rompono con perdite di sangue. Mio marito chiama l'ambulanza, e mentre sento la testa di mio figlio, comincio a temere il peggio. Arrivo in ospedale, e senza il tempo di essere portata in sala parto, partorisco nella sala travaglio. Vedere mio figlio, sentire il suo pianto è stato magnifico, ma la mia preoccupazione è la sua salute.

Lo portano in incubatrice e lo trasferiscono a 130 km da me. Il mio cuore piange, ma ora è fuori pericolo e, sebbene sia ancora in ospedale, noi non molliamo. Il nostro campione ha la forza di un leone, e noi siamo con lui.

Auguri a tutti i bambini e ai loro genitori, a questi piccoli campioni.

Di mamma Giusy

TI POTREBBE INTERESSARE