Home Storie Storie del parto

Il mio parto con il forcipe in Francia

di mammenellarete - 25.06.2014 - Scrivici

parto7.180x120
Vi racconto la storia del mio parto in Francia. E' il 24 febbraio 2013 e io sono alla fine della settimana 37. E' domenica. Dico a mio marito che non me la sento più di muovermi, perchè inizio ad avvicinarmi alla fine della gravidanza e mi stanco facilmente. Ma quel giorno ho una sensazione diversa... strana! Sento di aver qualcosa, ma non so cosa! E decido di non farmi troppe domande, visto che, quando si è incinta, l'umore è imprevedibile. Quel giorno decido anche di fare delle foto al pancione, che invio poi ai miei genitori (che abitano in Italia, a 1100 km da me). Mia madre mi chiama e mi dice: "trovo che ti sia scesa la pancia! Attenzione, stasera c'è la luna piena!" Io so di essere "sensibile alla luna", e sento anche che partorirò prima del termine, ma manca ancora un mese alla fine della gravidanza (prevista per il 23 marzo) e non penso neanche lontanamente all'eventualità che accada subito.

Quella sera mio marito va a dormire presto, ma io non ho sonno e non riesco a dormire. Verso l'una e mezza di notte scendo per andare in bagno, ma dopo essere nuovamente andata a dormire, provo la sensazione di "essermi fatta la pipì addosso". Torno in bagno e lì mi viene "un colpo": sto perdendo le acque!

 

Allora sveglio mio marito dicendogli: "penso che sia ora". Lui dice: "sicura?" E io gli rispondo: "ehm... guarda i miei pantaloni". La piccina ha fretta di arrivare!

 

Mezz'ora dopo siamo in ospedale a fare un tracciato: qualche contrazione piccina piccina, la dilatazione è ancora a 1 centimetro. Insomma, la strada è ancora lunga, ma quando si "perdono le acque", i dottori non ti lasciano rientrare a casa e ti fanno partorire entro 48 ore.

 

Ma c'è un problema in ospedale: le camere sono tutte occupate (notte di luna piena...), così mi mettono a dormire in sala travaglio. Il giorno dopo mi danno una camera e ho poi tutto il tempo per fare la doccia, leggere un libro, fare due chiacchiere. Insomma, fino a metà pomeriggio le contrazioni non accennano a farsi sentire, se non lievi, ma ben regolari.

 

Verso le 19 iniziano le VERE contrazioni, ben ravvicinate, ma ancora non c'è nessuna dilatazione. Finalmente, verso le 3 di notte del 26 febbraio, mi dicono che sono pronta per l'epidurale (che in Francia propongono di routine), ma me la fanno solo un'ora e mezza più tardi, dicendomi che durante la notte c'è un solo anestesista di turno, impegnato in "cose ben più importanti".

 

Alla fine, verso le 10:30, sono tutti pronti a far nascere la mia piccolina! L'epidurale finisce il suo effetto (così posso "sentire le spinte"), mio marito è carichissimo e motivato, le ostetriche sono "in posizione" e mi dicono: "Se non esce entro mezzora, dobbiamo far intervenire il dottore".

 

Mezzora passa in fretta, compio tre spinte per ogni contrazione, ma la piccola ha la testolina dietro il collo dell'utero e non riesce a uscire; lei è stanca dopo 16 ore di contrazioni e sono stanca anche io. Allora chiamano il dottore.

 

"Non c'è più tempo da perdere" - dice il dottore - "dobbiamo usare il forcipe e la ventosa per aiutare la piccola a uscire". La parola "forcipe" per me è sempre stata sinonimo di terrore... inutile dirvi com'è impressionante quello strumento e che paura provo in quel momento.

 

Ma chiudo gli occhi, dato che non voglio vedere, e spingo. Per fortuna ho mio marito vicino, che mi sostiene, mi sprona e mi incoraggia, dandomi la forza di dare le ultime spinte, anche se sento di non avere più fiato. Ho un attimo di mancamento... ma subito dopo: eccola lì, davanti a me. Dimentico subito gli ultimi due giorni vissuti in ospedale in un attimo. Guardo i suoi occhioni e sento il suo corpicino caldo sul mio. Percepisco l'inizio di questo magico legame e sento un amore che ho mai provato prima, che, ad oggi, cresce sempre di più.

 

Rifarei tutto per lei e vorrei dire a tutte le future mamme che il parto per i bimbi è molto più difficile che per noi. Non siamo noi a dover aver paura! Naturale, cesareo, indotto, forcipe... per noi è uguale, l'unica cosa che ci deve preoccupare è che non sia troppo traumatico per questi esserini. Noi dimentichiamo in fretta!

 

di mamma Gessica

 

(storia arrivata all'email redazione@nostrofiglio.it)

 

Storie correlate

 

Parto con il forcipe
Volevo l'epidurale
Epidurale: il mio parto con analgesia

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio.it

 

articoli correlati