Home Storie Storie del parto

I cambiamenti del corpo dopo il parto: come riprendersi

di mammenellarete - 26.02.2009 - Scrivici

fisico_dopo_parto_big.180x120
Una volta nato il bambino, una donna cerca di tornare in forma. Vorrebbe ripristinare le funzioni del suo corpo velocemente e vorrebbe anche far si che il suo corpo divenga attraente. Ma quali sono i segni evidenti che lascia il parto? La stanchezza, l’ansia e lo stress del travaglio ed del parto stesso, si fanno sentire a partire dagli attimi successivi della nascita del tuo bambino. Sei talmente provata che non riesci nemmeno a pensare alla tua questione estetica, poi, c’è una grande novità a cui badare! Tornati a casa dall’ospedale, e quando si riprende la vita normale, nascono le prime domande e le prime preoccupazioni per il corpo che non torna come una volta.


I segni della gravidanza e del parto.

 

Dopo il parto stesso, le pareti muscolari pelviche non sono ancora toniche perché i muscoli si sono allentati, soprattutto a causa del peso dell’utero (ricordiamo che l’utero da 50-60 g di peso, in gravidanza arriva a pesare circa 1 kg) e la differenza si fa per questo sentire.

 

Per questa ragione, quando si compieranno delle azioni come una semplice risata, si potranno avvertire delle perdite urinarie dovute al fatto che, le pareti muscolari non riescono a trattenere i liquidi proprio per l’assenza, come suddetto, di elasticità e della perdita di tono.

 

Ci sono dei piccoli esercizi da fare per tonificare le parti muscolari pelviche. Il gesto principale è quello di simulare l’atto che si effettua quando si trattiene la pipì: farlo per circa tre volte al giorno trattenendo la muscolatura per circa dieci secondi ogni volta.

 

Questo esercizio può aiutare, ma se con il passare del tempo il risultato è sempre lo stesso, allora è bene rivolgersi al ginecologo che indicherà una cura fisioterapica.

 

Le lacerazioni (dal primo grado, quelle che interessano la zona del perineo, fino al terzo grado se interessano l’area dell’ano) che un parto naturale può comportare, sono dovute all’effetto della forte spinta per far nascere il bambino.

 

Ci vorrà un po’ di tempo per rimarginare queste ferite anche perché si trovano in una parte esposta a movimento. Anche in questo caso sono consigliati degli esercizi muscolari per la zona del perineo, in modo da aumentare l’afflusso di sangue in quella zona e favorire una rimarginazione più rapida.

 

Le lacerazioni andrebbero anche lenite con delle sostanze emollienti, come olio di lavanda per dare sollievo alle parti indicate, quindi anche l’igiene intima è importante perché la ferita possa rimarginarsi: lavarsi costantemente e cambiare l’assorbente, può aiutare.

 

La pancia resterà un po’ floscia perché ha subito uno svuotamento repentino che ha abbassato la tensione muscolare. Fare degli esercizi addominali, anche semplici, ripristinerà il tono muscolare.

 

E quando facciamo l’amore?

 

Le lacerazioni nominate in precedenza, possono essere la causa del dolore durante la penetrazione dopo il parto. Aiutarsi parlando con il partner e cercare di mostrargli il vostro problema: sarà sicuramente più delicato.

 

I seni posso anche risultare “affaticati” e non nel pieno del loro splendore. Questo succede soprattutto in una donna che allatta. Per evitare le ferite ai capezzoli, è bene fare attenzione che il bambino si attacchi bene al momento della suzione.

 

Com'è cambiato il tuo corpo dopo il parto? Diccelo sul nostro forum "E' nato"!

 

TI POTREBBE INTERESSARE