Home Storie Storie del parto

I bimbi prematuri sono guerrieri

di mammenellarete - 17.06.2014 - Scrivici

parto_prematuro1.180x120
Scrivo la storia della mia gravidanza e della nascita di mia figlia Camilla, nata prematura e di basso peso l'8 luglio 2012. Sono alla 32esima settimana, quando mi viene diagnosticata la gestosi, con pressione alta e proteine nelle urine. Vengo ricoverata e resto una settimana sotto terapia per fare in modo che si abbassi la pressione. Una mattina mi fanno una eco per i flussi e notano una pallina sul cordone ombelicale ad un centimetro dall'ombelico della mia bimba. Il ginecologo pensa sia ernia e mi consiglia di partorire in una struttura dove, appena nata, la mia bimba può essere operata. Dopo due giorni mi viene a chiamare in stanza e mi dice che, dopo aver studiato l'eco ed essersi consultato col collega, secondo lui non è ernia, ma è un angiomixoma funicolare (tumore) che non fa arrivare i flussi correttamente alla bambina, che è infatti è piccola per l'età gestazione.


Mi tranquillizza dicendo che, una volta tagliato il cordone, non succede nulla. Mi rimandano a casa. Una notte verso le 2 inizio ad avere dolori fortissimi al petto e alla schiena. Avendo mangiato un po' pesante, penso di non aver digerito o che sia acidità. Il Malox non mi aiuta. Prendo il Buscopan: niente!

 

Ho dolori sempre più forti e continui. Alle 6 sveglio mio marito e lo obbligo a portarmi al pronto soccorso. "Magari mi fanno una flebo e stop!" - penso, immaginando una gastrite! Usciamo di casa solo con la cartelletta. Intanto vomito liquidi, non avendo mangiato nulla.

 

Al pronto soccorso mi misurano la pressione ed è 170/110, a casa era più bassa. Mi tengono lì ad aspettare gli esiti degli esami e intanto fanno una eco: fortunatamente la bimba sta bene. Io ho sempre dolori molto forti. Alla fine mi ricoverano, perché la pressione è alta e la gestosi avanza. Decidono perciò che in settimana avrò Camilla!

 

Sono a 34+5 e sono preoccupata. Verso mezzogiorno mi sento male di nuovo e lì mi dicono di non mangiare né di bere niente! Mando a casa mio marito a pranzare. Dopo un po' di tempo mi chiama dicendo che sta mangiando, e proprio in quel momento arriva l'infermiera a dirmi che entro sera mi faranno il tc, perché la bambina "sta meglio fuori che dentro", con me in quelle condizioni.

 

Io scoppio a piangere, richiamo mio marito, che torna con la borsa per la bimba e per me. Alle 18. 53 nasce Camilla con un peso di 1 kg e 580, per 39 cm. Non me la fanno vedere, la portano subito in terapia intensiva! In seguito non la vedo per tre giorni e sto malissimo.

 

E' stata ricoverata un mese esatto, poi l'hanno dimessa. Ora ha quasi due anni ed è il ritratto della salute, ma quello dopo la sua nascita è stato il mese più brutto della nostra vita.

Ogni volta che aprivo la porta della Tin, avevo il terrore di ricevere brutte notizie. Invece lei è stata una guerriera fin da subito.

 

Loro, i bimbi prematuri, sono guerrieri! Hanno una forza e una voglia di vivere superiore alla norma! Mai dimenticherò i brutti momenti che abbiamo passato e ogni giorno ci penso, ma poi la guardo e mi ripeto che è tutto passato! Grazie a Dio!

 

di mamma Sabry

 

(storia arrivata sulla pagina facebook di Nostrofiglio. it)

 

Storie correlate

 

Antonino, nato prematuro a 24 settimane
Bimbo prematuro: un'esperienza difficile e meravigliosa
Emanuele, neonato prematuro di 32 settimane

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio. it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio. it!

 

Anche tu aspetti un bambino? Ti potrebbero interessare gli articoli sulla Gravidanza di nostrofiglio. it

 

TI POTREBBE INTERESSARE