Endometriosi

Parto cesareo dopo intervento di endometriosi. Il mio miracolo

Di mammenellarete
corbis-42-30520941

08 Maggio 2018
Fui operata di endometriosi quando ero piccola. Tempo dopo rimasi incinta: non avrei mai immaginato che sarei riuscita ad avere un figlio senza cure e senza altri interventi.... eppure il mio piccolo era nella pancia. Il mio miracolo stava per nascere... eppure io iniziai a pensare al peggio. Ma quanto sentii il suo pianto il mio cuore esplose di gioia. Finalmente mi rilassai.

Facebook Twitter Google Plus More

Vi racconto esattamente come si è svolto il mio parto cesareo. Alle ore 8:35 i medici mi fecero fare l'elettrocardiogramma a un braccio e la flebo all'altro. Mi misero poi la mascherina con l'ossigeno e il telo verde dal collo in giù. Ero molto emozionata, pochi minuti dopo avrei potuto finalmente conoscere il mio bimbo.

 

Alle 8:40 iniziò l'intervento, ma dopo alcuni minuti sentii esclamare i medici: "E' incastrato! Ci sono troppe aderenze, dobbiamo tagliare". Otto anni prima ero stata operata per colpa dell'endometriosi... ma non avrei mai immaginato che in seguito si sarebbero create delle aderenze.

 

Non immaginavo nemmeno che sarei riuscita ad avere un figlio senza cure e senza un altro intervento a causa dell'endometriosi... eppure lui era lì. Il mio miracolo stava per nascere ed io iniziai a pensare al peggio.

 

Temevo per me e per la vita del mio bambino, ero sotto anestesia, ma sentivo le ostetriche che mi "scuotevano". Le percepii preoccupate e pensai: "Tagliate tutto, basta che fate uscire il mio bambino".

 

Finalmente alle 8:50 sentii il suo pianto e il mio cuore esplose di gioia. Vidi spuntare l'ostetrica che con il lenzuolo verde si avvicinò a me e disse: "E' un maschio!". Io lo baciai e lo chiamai "amore di mamma". Da quel momento ci fu un fiume di lacrime e io mi rilassai.

 

Poco dopo guardai la benda della ferita e notai che era tutto okay, perché per come ne parlavano e per come mi sentivo toccare... immaginavo che mi avessero fatto il taglio verticale esattamente come 30 anni prima. Insomma, tutto è bene quel che finisce bene. Ho incontrato persone stupende che hanno agito subito, non so se effettivamente ho mai rischiato la vita, ma in quel momento ho avuto davvero mille pensieri.

LE ULTIME STORIE