Home Storie Racconti di genitori

Una giornata in camper con la DAD

di mammenellarete - 26.03.2021 - Scrivici

camper
Fonte: shutterstock
Una giornata in camper con la DAD: questa giornata è stata come rivivere un momento di vacanza e mi ha fatto rievocare emozioni di spensieratezza
In questi giorni siamo alle prese, soprattutto noi mamme, con l'aiutare i nostri figli nella DAD.
 
Non è sempre facile molti i problemi riscontrati soprattutto quando si tratta di bambini e non di ragazzi, non è solo l'autonomia nella gestione dei materiali, gli orari di connessione e l'aiuto nell'utilizzo della gestione dei dispositivi elettronici.
 
Come già vi ho raccontato ho due bambini in età scolare Kevin fa la seconda e Giada la quinta elementare. Con Giada, già rodata l'anno scorso è stato semplice, la bambina si è gestita benissimo nella DAD affrontando con le maestre anche problemi di connessione della linea che purtroppo non è stata ottimale.
 
Kevin invece, essendo in una classe più numerosa la connessione internet è risultata ancora più scadente, in quanto i bimbi per la loro età hanno avuto molto bisogno di comunicare con le maestre e questo molto spesso era aggravato da un dialogo insegnante-alunno frammentato e disturbato dall'eco quando più microfoni erano aperti.
Un bambino dell'età di Kevin ha bisogno dal genitore di un supporto costante.
Inoltre, i bambini hanno vissuto in questi mesi continue emozioni e hanno dovuto adeguarsi a regole che spesso cambiavano rapidamente senza comprenderne a pieno ciò che stava succedendo.
Il nostro supporto di genitori è stato molto importante soprattutto per accettare il non poter giocare con i propri amici e l'utilizzo della mascherina in modo costante in classe, questi a mio parere sono stati gli scogli maggiori.
 
Invece un'emozione forte negativa che abbiamo vissuto assieme ai nostri figli è stato il momento del tampone, quando era la classe intera ad essere tamponata, perchè se da una parte c'è il forte senso civico e di responsabilità per cercare di uscirne il prima possibile da questa invivibile situazione, dall'altra emerge un metodo cinico e crudele. Una volta ritirato il codice a barre da applicare alle carte nel proprio figlio siamo stati in coda ad aspettare il proprio turno. I bambini che sono tutti compagni di classe, vedono il loro compagno entrare nella saletta sentono le sue urla e i suoi pianti. Con che animo hanno continuato l'avanzamento della fila? Questo è quello che noi genitori e i nostri figli abbiamo vissuto per più volte... lascio a voi i ricordi crudeli di ciò che questo assomiglia. Non c'è stata cura, né amore, né attenzione per queste nuove generazioni di piccoli uomini e piccole donne che devono essere, devono fare.
 

Una giornata speciale grazie al camper

 
Ritornando alla nostra giornata, felice del loro ottimismo e della grande capacità di adeguarsi ho voluto rendere una giornata di DAD speciale portandoli a svolgerla in camper.
Giovedì mattina dopo colazione, neanche finita la frase per chiederlo, erano già entusiasti con il tablet in mano pronti per andare in camper.
 
Abbiamo un semi integrale con doppia dinette, quindi è stato semplice dividerli non solo per i tavolini che ne abbiamo due, anche negli ambienti separando con la porta scorrevole.
 
Appena entrati in camper come al solito ci siamo messi comodi mettendo al loro posto le scarpe e la giacca, poi i bimbi hanno scelto su quale dinette mettersi per la DAD. Aperti gli scuri alle finestre nel camper è entrata molta luce ed il calore della stufa già accesa la sera prima sembrava già essere in vacanza.
 
Disposti con tutto il materiale delle materie ho voluto prepar loro un the caldo anche se avevano già fatto colazione.
Durante la pausa alternata dei bambini è stato bello condividere le emozioni e le aspettative per un prossimo viaggio appena sarà possibile.
 

Come rivivere un momento di vacanza

 
Questa giornata è stata come rivivere un momento di vacanza, preparare per il pranzo il loro piatto preferito e magiare in camper mi ha fatto rievocare emozioni di benessere e spensieratezza.
E per finire non potevano mancare due partite con un gioco in scatola scelto a turno da ognuno, come facciamo sempre nelle nostre uscite.
 
di Laura e Pierre
 
Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it

Chi siamo

Laura e Pierre, con i loro figli Giada J. e Kevin, amano viaggiare con il camper ogni volta che è possibile e andare alla scoperta di nuovi luoghi e di nuove avventure. Seguili nei loro viaggi e vivi anche tu con loro e con gli altri amici l'esperienza del camper! Ecco il nostro sito www.dolciviaggi.com

TAG:

TI POTREBBE INTERESSARE