Home Storie Racconti di genitori

Ingestione di meconio. Per fortuna siamo andati subito in ospedale

di mammenellarete - 24.11.2021 - Scrivici

pancione
Fonte: Shutterstock
Racconto la nostra storia per dire alle future mamme di non temporeggiare se avvertono qualcosa di anomalo. Io volevo aspettare prima di andare in pronto soccorso. I medici mi hanno detto che se avessimo ritardato anche solo di due ore il bambino, che aveva ingerito del meconio, sarebbe nato morto.  

Dopo dieci mesi di tentativi, finalmente il test è positivo. Ho passato una gravidanza normale, serena. La data presunta del parto era il 4 aprile, ma lui non ne voleva proprio sapere di uscire.

Il 12 aprile la mattina non lo sentivo muoversi, allora ho mangiato qualcosa di dolce, ma nulla. Ho bevuto tanta acqua, ma nulla, mi sono riposata sul divano, ma ancora niente, non si muoveva. Proprio lui, che nella pancia solitamente faceva i party.

Siamo corsi in ospedale. Un'infermiera ha portato il grafico del monitoraggio al medico e in 10 secondi sono entrati nella stanza correndo due medici, quattro infermiere e due ostetriche, praticamente tutto il reparto.

In 3 minuti mi hanno spogliato e mi hanno preparato per l'intervento, mi hanno detto che il bimbo era in sofferenza e mi hanno fatto fare un taglio cesareo d'urgenza.

Ho sentito la parola "bisturi"... ma poi non ho sentito piangere. Ho pensato: "Okay, mio figlio è morto". Dopo qualche ora mi hanno detto che stava bene, aveva ingerito del meconio. Dopo 15 ore ha avuto le convulsioni, e ad oggi ancora non si sa il motivo.

Se non fossimo andati subito in pronto soccorso il bimbo non ce l'avrebbe fatta

Restiamo ricoverati in terapia intensiva neonatale per due settimane. Ci dicono che potrebbe riportare delle conseguenze, quindi facciamo controlli su controlli e dopo sei mesi finalmente ci dicono che la situazione si è normalizzata.
 
Racconto la nostra storia non per fare del terrorismo, ma per dire alle future mamme di non temporeggiare se avvertono qualcosa di anomalo. Andate in ospedale e male che vada vi rimandano indietro.
 
Io volevo aspettare prima di andare in pronto soccorso,  mi ha convinta il mio compagno. I medici mi hanno detto che se avessimo ritardato anche solo di due ore il bambino sarebbe nato morto.
 
In bocca al lupo a tutte le future mamme.
 
di Anna
 

(storia arrivata alla pagina Instagram di Nostrofiglio.it)

Vuoi scriverci anche tu la tua storia? Mandala a redazione@nostrofiglio.it

 

Aggiornato il 25.11.2021

TI POTREBBE INTERESSARE