Home Storie Racconti di genitori

Storia di una mamma geek-Intervista con Chiara Ferretti

di mammenellarete - 02.12.2011 - Scrivici

geekmom-4001.180x120
  Il mondo delle mamme online è sempre più popolato e affascinante, a questo proposito abbiamo intervistata Chiara Ferretti di How to be a geek mom, appassionata di tecnologie da sempre, mamma reporter del nostro blog e mamma blogger da quando è arrivato il suo bimbo Leonardo.

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

Mamme nella rete- Come sei diventata una blogger mamma geek in rete e come ti sei costruita la reputazione di mamma blogger geek?

 

Chiara Ferretti- Allora, partiamo dal principio: geek lo ero anche prima di rimanere incinta. Diciamo che sono “leggermente” fissata con tutte le diavolerie tecnologiche (come le chiama mia nonna), internet, i social media ecc ecc. Faccio parte del Girl Geek Dinners Toscana, dove creiamo eventi sotto forma di cena o aperitivo per favorire l’incontro e la conoscenza fra donne appassionate, appunto, di hi-tech, IT, gadget, web e nuovi media. Mamma blogger lo sono diventata nel febbraio di quest’anno, ovvero quando sul mio test di gravidanza è apparsa una linea orizzontale blu (causandomi uno shock non indifferente dato che la cosa non era prevista...). Non so se ho una reputazione di mamma blogger geek, so solo che in quel blog sono totalmente me stessa e i lettori hanno trovato in me una mamma un po’ più moderna, stravagante e insolita.

 

MNR - Partendo da questo termine, geek, perchè ti definisci mamma geek e non blogger? C'è una differenza fra mamma blogger o mamma geek, ti va di parlarcene?

 

C.F. - Beh, avevo un blog generico prima dell'arrivo di Leonardo ma non mi sono mai definita una blogger, dato che, al contrario di adesso, lo aggiornavo meno frequentemente. Mamma geek invece lo sono, perché, nonostante adori il mio bambino, non rinuncio alle mie passioni ed alle mie fissazioni: ad esempio ho organizzato un evento a Firenze con le Girl Geek Dinners a cavallo tra gli ultimi giorni di gravidanza ed i primi dopo il parto. Diciamo che potrei definirmi geek diventata mamma blogger (anche se in realtà mamma lo sono diventata, come sempre, dopo 9 mesi...).

 

MNR - Cosa ne pensi della sovraesposizione in rete e del boom delle mamme blogger, tu come ti inserisci in questa tendenza?

 

C.F.- Non la definirei sovraesposizione; non conoscevo il fenomeno prima della gravidanza e dopo l’apertura del blog mi si è aperto un mondo affascinante in cui ho trovato mamme meravigliose ma completamente diverse l’una dall’altra. Ogni blog ha i suoi lettori affezionati, i miei (anzi, le mie) sono quelle più tecnologiche, ma non solo. Inoltre sono rimasta piacevolmente sorpresa anche dalla presenza maschile tra i commenti: sarebbe davvero bello se da questa tendenza, come la chiami tu, si allargasse la nicchia dei papà blogger: il papà di mio figlio ha già uno spazio sul mio blog, ma come tanti maschietti, è molto pigro e scrive raramente. Forse il segreto dei mom’s blogs è questo: le donne dopo aver curato casa e figli hanno ancora la forza di scrivere, mentre i papà no.

 

Ringraziamo Chiara Ferretti per averci raccontato la sua storia e vi invitiamo a seguirla anche su il family reporter del nostro sito.

 

Ti potrebbero interessare anche...

 

 

articoli correlati