Home Storie Racconti di genitori

Citomegalovirus e gravidanza. Ma la mia bimba dagli occhi blu è sana

di mammenellarete - 15.07.2021 - Scrivici

neonata
Fonte: Shutterstock
Dopo essere rimasta incinta ho scoperto di avere il citomegalovirus e ho vissuto con l'ansia fino al momento del parto, sapendo che portavo avanti una "gravidanza a scatola chiusa". Per fortuna la mia bimba, con gli occhioni blu e il sorriso bellissimo, è sana.

All'inizio della gravidanza ho scoperto di avere il citomegalovirus. Era un nome a noi sconosciuto, non avevamo mai sentito parlare di questo virus.

Da quel momento è iniziato il nostro incubo per nove mesi. Sono stata seguita a Bari prima da una virologa e poi da una ginecologa specializzata nelle malattie infettive. Ho fatto l'amniocentesi che è risultata positiva e da lì la prima cosa che mi è stata chiesta è stata "Vuoi tenerla?".

Ciò perché la piccola poteva avere malformazioni, tra cui cecità, sordità, ritardo motorio e tanto altro. Il virus era arrivato con una forte carica alla bambina, aveva oltrepassato la placenta. Non capivo più nulla, mi sentivo incredula... stava succedendo tutto questo. Mi chiedevo: "Ma perché?".

Citomegalovirus, la nostra esperienza

Non riuscivo a darmi una spiegazione e a trovare pace. Subito la mia dottoressa mi ha fatto fare un'ecografia per vedere se questo maledetto virus aveva preso gli organi della bambina.

In stanza mi ha detto che il suo cuoricino, la sua testa, tutti i suoi organi erano intatti. L'unico problema era che la bimba cresceva piccola. Purtroppo questo virus poteva anche bloccare la crescita da un momento all'altro e poteva anche portare alla morte del feto.

Non potevamo mai sapere in realtà se sentiva o vedeva. Io e mio marito abbiamo preso la decisione di andare avanti. Era la nostra bambina e l'avremmo comunque amata più di qualsiasi altra cosa al mondo. Insomma una gravidanza a scatola chiusa, non sapevamo come sarebbe nata in realtà. Un incubo...

Il 10 marzo si sono rotte le acque. Avevo l'ansia a mille e ero nel panico più totale perché dopo poche ore avrei visto e abbracciato la mia bambina. Finalmente sono arrivata a Bari, mi hanno controllato e la mia dottoressa si è resa conto che si era bloccata la crescita, in tempo per la rottura le acque.

La mia bambina è nata l'11 marzo, pesava 2 chili e 130 gr. Era bellissima e soprattutto sana. Abbiamo fatto tutti i controlli possibili, persino la risonanza magnetica a tre giorni di vita. Tutto perfetto!

Le mie preghiere sono servite, qualcuno da lassù ha protetto la mia bambina. Sento di aver avuto un miracolo, avevo sognato una bambina con gli occhi grandi blu e un sorriso bellissimo. Il mio sogno è realtà... questa bambina con gli occhioni blu e il sorriso bellissimo è ora la mia bambina.

di una mamma 

TI POTREBBE INTERESSARE