Home Storie Racconti di genitori

Aborto terapeutico. Il mio angelo avrebbe avuto 15 anni

di mammenellarete - 08.08.2022 - Scrivici

donna-triste
Fonte: Shutterstock
Dopo l'aborto terapeutico, ho avuto tre altri figli, tutti sani. Il mio bimbo speciale è sempre nei miei pensieri e questo mese avrebbe dovuto compiere 15 anni. Mamme, non perdete mai la speranza, la vita purtroppo è fatta di momenti brutti e infelici ed altri invece di gioie immense.

Scrivo per tutte le mamme che hanno perso il proprio bimbo durante la gravidanza o che per una malformazione hanno dovuto fare la scelta più triste che ci sia.

Racconto la mia storia per dirvi che non dovete abbattervi mai ed essere sempre ottimiste. La mia prima gravidanza procedeva bene, tutto era nella norma, ma al terzo mese di gravidanza durante l'ecografia il ginecologo si è accorto di una malformazione alle vie urinarie (neanche un mese prima era tutto normale).

A quel punto il dottore, che avrebbe voluto darci la notizia che aspettavamo un maschietto, si è ritrovato invece a doverci spiegare una terribile realtà. Purtroppo erano compromessi anche i reni. Non restava altra scelta: mi dovevo sottoporre ad un aborto terapeutico. La disperazione era immensa.

Aborto terapeutico. La mia storia

Tra le varie attese e sballottamenti a destra e sinistra tra i vari ospedali sono arrivata alla diciannovesima settimana. L'aborto terapeutico per me è stata una delle esperienze più brutte della vita. Un trauma difficile da superare. Il mio medico voleva sottopormi a vari accertamenti prima di provare ad avere un altro bambino, ma sono rimasta subito incinta di nuovo e ho avuto 3 bambini tutti sani per fortuna.

Ho cercato di essere ottimista e di non pensare che potesse succedermi di nuovo. Il mio bimbo speciale è sempre nei miei pensieri. . . questo mese avrebbe dovuto compiere 15 anni. Mamme, non perdete mai la speranza, la vita purtroppo è fatta di momenti brutti e infelici ed altri invece di gioie immense.

di Virginia

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio. it

TI POTREBBE INTERESSARE