Home Storie Racconti di genitori

Siamo cattive madri?

di mammenellarete - 19.11.2009 - Scrivici

madri_cattive_big.180x120
La piazza del web sta sfatando sempre più il cliché della mamma perfetta e felice sopra ogni cosa, sempre e comunque. Cresce sempre di più il movimento delle mamme stanche di destreggiarsi tra pannolini, pappe, faccende domestiche e carriera. Tra i rimpianti più gettonati, quello di non aver mai tempo da dedicare a se stesse. Il successo del libro “Mauvaises mères" (cattive Madri) ne è una prova. Il libro, scritto a sei mani da Nadia Doam, Emma Defaud et Johanna Sabrouxche, affronta la disgreganza tra lo stereotipo comune della “mamma perfetta” e la realtà, più ampia e complessa, a cui vanno incontro le donne che scelgono di avere un bambino.

La maternità non è fatta di sole coccole e felicità, ma anche di stanchezza e frustrazione. Sul sito badmotehersanonymous, per esempio, si danno appuntamento tutte le mamme frustrate, stanche, esauste dei compiti che si affidano generalmente a questo ruolo e che vogliono rompere con quel cliché di stupida felicità e perfezione che si associa alla maternità.

Queste mamme cercano sul web quello che molto probabilmente non trovano nel “non virtuale”: comprensione e accettazione della loro persona, al di là del ruolo. In parole povere si sfogano si sfogano raccontando gli errori, le miserie e confessano il ruolo della mamma perfetta, felice di stare tra fornelli e pianti infiniti, non è il loro, non solo almeno.

Un esempio ci viene dritto drittto dalla moderna America dove la figura della madre è ancora così sacra che quando Ayelet Waldmam, autrice del libro “Bad Motherha dichiarato in un articolo di amare suo marito più dei suoi figli, è stata messa mediaticamente alla gogna. “Storie di tutti i giorni”, cantava qualcuno.

Cosa pensi di questo argomento? Scrivi la tua opinione sul nostro Forum!

articoli correlati