Home Storie Racconti di genitori

Save the Mom l'applicazione per le mamme lavoratrici

di mammenellarete - 29.12.2011 - Scrivici

Save-the-mom-400.180x120
Il mondo delle mamme è sempre più segnato dalla tecnologia che può rappresentare un supporto importantissimo per l'organizzazione della giornata fra figli e lavoro. Per questa ragione oggi abbiamo intervistato Milo Soardi del team di Save The Mom. Mamme nella rete- Chi ha creato Save the Mom, e da quali esigenze è nata? Milo Soardi- Save the Mom è un progetto nato dalle esigenze reali di una donna e mamma imprenditrice, Sara Baroni, che come tutte le mamme lavoratrici, si trova a dover conciliare quotidianamente la vita familiare con quella lavorativa. Sara ha condiviso queste sue esigenze con Marco Gafforini, suo marito e consulente aziendale, da sempre appassionato di tecnologia. Marco, confrontandosi con Davide Dattoli, giovane startupper bresciano, ha pensato di portare questa idea allo startup weekend di Milano dello scorso anno. In 54 ore è nata la prima bozza di un progetto che è piaciuto molto arrivando in finale.

Ti potrebbero interessare anche...

I riscontri ottenuti dal weekend meneghino hanno spinto Marco a continuare a lavorare sul progetto e a cercare degli investitori. Grazie al finanziamento di due imprenditori bresciani, Federico e Gianluca Ambrosini, titolari di Fimeur, si è costituito il team ed il progetto ha iniziato a prendere forma. Da lì e partito il vero e proprio lavoro sul prodotto che ha portato alla realizzazione dell’app.licazione in versione iPhone, iPad, mobile e web.

M.N.R.-Nella pratica quali sono le funzioni dell'applicazione?

M.S.-Attualmente l’applicazione consta di quattro funzioni principali: bacheca, shopping list, calendario e check-in. Entrando un po’ nei dettagli: la bacheca è una sorta di Facebook familiare in cui vengono raccolte tutte le principali comunicazioni. Il calendario permette di condividere tutti gli appuntamenti fornendo un quadro completo degli impegni della famiglia in una vista giornaliera, settimanale e mensile. Con la shopping list anche i papà più ostinati non avranno più scuse, basterà infatti accedere al proprio device per avere a portata di mano la lista della spesa completa e aggiornata. Il tutto è completato da un sistema di geolocalizzazione che permette di conoscere gli spostamenti dei propri familiari tramite un semplice e privato sistema di check-in.

M.N.R.-Qual è il coinvolgimento delle mamme e quali sono stati i feedback?

M.S.-Lo sviluppo è stato seguito da una fase di Beta test privata nella quale abbiamo selezionato una 30ina di mamme blogger che hanno testato in anteprima l’applicazione. I feedback sono stati molto utili sia in ottica di debugging per correggere le varie anomalie sull’applicazione che nell’ottica evolutiva del progetto poiché le mamme si sono dimostrate molto aperte e disponibile a dare suggerimenti o consigli su come migliorare l’applicazione in base alle loro esigenze. Ovviamente il coinvolgimento delle mamme non si esaurisce a questa prima fase di test ma il nostro intento è proprio quello di coinvolgerle sempre più in modo da creare un prodotto sempre in linea con i loro bisogni.

MNR- Il futuro, ci sono altri progetti legati al mondo famigliare?

M.S- Attualmente le nostre risorse ed energie sono focalizzate sul perfezionamento di questo prodotto ed essendoci in cantiere ancora molte altre funzionalità la nostra priorità è quella di creare un prodotto il più completo possibile che possa rispondere alle varie esigenze della famiglia ma non possiamo escludere che nascano altri progetti legati a questo ambito.

Per maggiori informazione potete consultare il blog di Save the Mom o iniziare a provare l'applicazione ;)

Ti potrebbero interessare anche...

articoli correlati