Home Storie Racconti di genitori

Papà al centro, libreria ScaldaPensieri

di mammenellarete - 27.01.2011 - Scrivici

padre_ap1.180x120
Si è svolto l'incontro "Papà al centro" per presentare un percorso rivolto alle famiglie e specialmente ai padri. In una sera d'inverno, nella libreria ScaldaPensieri di Milano, mamme e papà hanno incontrato Giovanna Rivela e Alberto Pellai per conoscere un percorso in tre moduli rivolto alle famiglie ma soprattutto ai papà: Le emozioni dei padri: l'ultimo tabù. Giovanna Rivela è pedagogista (l'avevamo conosciuta già in occasione dell'appuntamento "La buona nanna") e docente di AltroTempo, e spiega come è nata l'idea: diventare genitori significa affrontare difficoltà e paure, ma anche gioie e soddisfazioni.

Sempre però l'attenzione è molto focalizzata più sulle mamme che sui papà.
Questo percorso nasce così per l'uomo che diventa padre, ma anche per la coppia che diventa famiglia.

piano teorico

piano pratico

Poi la parola passa ad Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta dell'età evolutiva, che racconta le esperienze passate con altri padri (futuri o neo papà), coi quali ha attraversato momenti di grande emozione e costruzione, in particolare nel momento della stesura di due lettere: una al proprio figlio e l'altra al proprio padre.
Momenti difficili ma di grande liberazione, che si sono rivelati punti chiave della crescita dell'uomo come padre.

Che siamo uomini o donne, tutti abbiamo avuto un papà. Se siamo genitori e siamo mamme abbiamo un paterno al nostro fianco che contribuisce anche alla dimensione materna che mettiamo in gioco, se siamo uomini abbiamo un paterno da mettere in atto e un modello da seguire o distanziare.

L'intento di questo percorso è riequilibrare il ruolo del padre all'interno della famiglia, per crescere sia come uomo che come figlio e padre. Per superare il senso di inadeguatezza e paura che permeano la vita dei padri odierni, e crescere i propri figli in una consapevolezza nuova, giocosa e piena.

Il percorso inizia il 5 febbraio. Per info: papalcentro@gmail.com

articoli correlati