Home Storie Racconti di genitori

O sei Mom-lit o sei OUT

di mammenellarete - 29.05.2008 - Scrivici

momlit2.180x120
Mom Lit sembra il nome di un nuovo prodotto farmaceutico, ma è in realtà un nuovo genere letterario. Gravidanza, maternità, mille modi di esser madre, allevare figli, isteria, depressione post partum, manie, tutto insomma. Testi umoristici e scanzonati, che parlano la lingua con cui molte mamme si identificano, come parte di una community molto più che internettiana, una community di vita. Tra storie di madri per la prima volta e di madri riluttanti, i Mom Lit si suddividono in Pregnancy Lit (gravidanza e nascita), Baby/ Child-rearing Lit (puericultura e bambini), General Mom Lit (categoria più generica che comprende le prime due).

Il segugio Betta ne ha trovato traccia sul blog della nostra presentissima ItalianMom e abbiamo approfondito.
Il libro citato è di Jill Kargman: 'Momzillas' ("Quando la mamma è stronza''), una raccolta di rocambolesche avventure di una mamma letteralmente fuori luogo nel posto più trendy del mondo: Manhattan.
Riportiamo testualmente la classificazione delle mamme newyorkesi citata nel blog di ItalianMom e non ci resta che dire...quando dormire diventa impossibile e il sorriso fa a gara con lo sbadiglio e le urla selvagge da plaistocene, un buon libro per riderne con intelligenza aiuta...certo che aiuta!

 

a-mam-ressica: madre che perde il peso accumulato in gravidanza nel giro di 2 settimane (o meno) dal parto;

 

dsn, drogata da secondo nome: madre che chiama i suoi figli utilizzando regolarmente sia il primo sia il secondo nome. per esempio: Julia Charlotte adora le lezioni di mandarino.

 

nazi-allattatrici: brigata di mamme strepitanti che entrano in competizione su chi allatti più a lungo al seno; spesso giudicano malamente le mamme che allattano al biberon;

 

madre superiora: mamma che si diletta in prediche e che pensa di sapere sempre cosa è meglio non solo per i propri figli, ma pure per quelli delle altre;

 

in & in, incinte e inorgoglite: mamme in divenire che indossano magliette che lasciano scoperto il pancione. spesso blaterano di quanto si sentano 'vive';

 

suicide hour: va di solito dalle 5 del pomeriggio all'arrivo a casa del marito. per il resto del mondo si chiama 'happy hour';

tae, talebana anti epidurale
: donna che si oppone all'uso dell'anestesia durante il parto. di solito si vanta del suo lunghissimo travaglio naturale.

 

La Repubblica delle Mamme

 

articoli correlati