Home Storie Racconti di genitori

Nel magico mondo delle mamme blogger

di mammenellarete - 11.01.2008 - Scrivici

Nel magico mondo delle mamme blogger si trovano gioielli e perle. Era molto che non leggevo qualcosa di Erri De luca, ma oggi Agostino, la nostra mascotte, mi ha illuminato: "Leggi qua!" E cosa trovo? Un blog davvero carino, di una mamma redattrice, il post è di diversi anni fa, chissà se ora ha anche un altro blog, o forse un videoblog, un VLOG? Voi che ne dite...sarebbe bello sapere cosa fa oggi vyrtuosa...e dove dispensa le sue perle...cercasi vyrtuosa disperatamente, se ne avete notizie fateci sapere!

Da "Il contrario di uno" di Erri de Luca

In te sono stato l'albume, uovo, pesce
le ere sconfinate della terra
ho attraversato nella tua placenta
fuori di te sono contato a giorni
"Il contrario di uno"

In te sono passato da cellula a scheletro
un milione di volte mi sono ingrandito,
fuori di te l'accrescimento è stato immensamente meno.

Sono sgusciato dalla tua pienezza
senza lasciarti vuota perchè il vuoto l'ho portato con me.

Sono venuto nudo, mi hai coperto
così ho imparato nudità e pudore, il latte e la sua assenza.

Mi hai messo in bocca tutte le parole
a cucchiaini, tranne una: mamma.
Quella l'inventa il figlio sbattendo le due labbra
quella l'insegna il figlio.

Da te ho preso le voci del mio luogo,
le canzoni, le ingiurie, gli scongiuri,
da te ho ascoltato il primo libro
dietro la febbre della scarlattina.

Ti ho dato aiuto a vomitare, a friggere le pizze,
a scrivere una lettera, ad accendere un fuoco
a finire le parole crociate, ti ho versato il vino
e ho macchiato la tavola,
non ti ho messo un nipote sulle gambe
non ti ho fatto bussaare a una prigione
non ancora,
da te ho imparato il lutto e l'ora di finirlo,
a tuo padre somiglio, a tuo fratello,
non sono stato figlio.

Da te ho preso gli occhi chiari
con il loro peso a te ho nascosto tutto.

Ho promesso di bruciare il tuo corpo
di non darlo alla terra. Ti darò al fuoco
fratello del vulcano che ci orientava nel sonno.

Ti spargerò nell'aria dopo l'acquazzone
all'ora dell'arcobaleno
che ti faceva spalancare gli occhi

La Repubblica delle Mamme

articoli correlati