Home Storie Racconti di genitori

Mia figlia Alice tra le braccia di Papa Francesco

di mammenellarete - 09.06.2014 - Scrivici

papa_francesco1.180x120
Insieme ad un’altra coppia di amici abbiamo deciso di recarci a Roma per partecipare ad una delle udienze papali che si svolgono settimanalmente a San Pietro. Siamo partiti da Catania entusiasti, speranzosi ma anche consapevoli del fatto che la possibilità di vedere da vicino papa Francesco era una “missione impossibile”, considerando le milioni di persone che sono in piazza san Pietro il mercoledì, giorno in cui si svolgono le udienze papali. Il giorno dell’udienza, sebbene l’albergo fosse a pochi metri da piazza San Pietro, siamo arrivati tardi e, nonostante avevamo prenotato i biglietti mesi prima non siamo potuti entrate e sederci perché la folla impediva il passaggio. Pertanto un po’ dispiaciuti siamo rimasti fuori, dietro le transenne.
Alice e Papa Francesco

Alice e il Papa

Mezz’ora prima che iniziasse l’udienza, papa Francesco è uscito ed ha fatto il suo solito giro per salutare i fedeli, lo vedevamo da lontano grazie ad uno degli schermi giganti della piazza. Mio marito stava riprendendo con il tablet il giro del papa, io invece ero alle prese con Alice che, avendo da poco imparato a camminare, girava per San Pietro sola e non voleva saperne di essere tenuta per mano.

Ad un certo punto mi sono accorta che mia figlia era diretta verso le transenne di legno. A quel punto ho alzato lo sguardo e ho visto attraverso il monitor che il papa stava facendo un secondo giro della piazza per salutare un’ultima volta i fedeli. Mossa dal coraggio e dalla fede, ho preso in braccio Alice e mi sono arrampicata sulla base di una colonna, chiedendo alle decine di persone davanti a me di farmi passare con la bambina.

Una signora si è girata e mi ha detto di darle la bambina e cautamente l’ha passata ai fedeli davanti a lei, ognuno di quelle persone teneva tra le braccia la piccola Alice come se fossero tanti zii e nonni. Alla fine Alice è arrivata in prima fila, io nel frattempo ero riuscita ad aprirmi un varco e a raggiungerla proprio nel momento in cui la papa-mobile stava girando verso di noi.

Alice e il Papa

Chiamavo a squarciagola le guardie del corpo con la speranza che qualcuna di loro prendesse la mia piccola Alice ma nessuno sembrava accorgersi di me, ma ecco che il papa ci guarda e chiede all’autista di fermarsi. A quel punto le guardie hanno preso in braccio Alice e papa Francesco con una dolcezza infinita le ha sorriso, dato una carezza e un bacio nella guancia.

 

I loro sguardi si sono incrociati e in quel momento il mio cuore si è sciolto dalla commozione. Nel frattempo mio marito era ignaro di tutto, mi ha solo raccontato che mentre riprendeva il percorso del papa si è reso conto che tra le braccia di papa Francesco c’era la sua piccola principessa. Sapeva di dover riprendere e fotografare quel momento unico nonostante la sua mano non smettesse di tremare.

 

di Laura

 

(storia arrivata per email a redazione@nostrofiglio.it)

 

Altre storie delle mamme:

 

Una dolce coincidenza: nata lo stesso giorno del nonno
Se un diamante è per sempre, il più bel diamante è nostra figlia
L’angelo custode di mia figlia? Mio papà

 

Hai anche tu una storia da raccontare? Scrivi a redazione@nostrofiglio.it oppure scrivila direttamente nella sezione Le vostre storie del forum di nostrofiglio.it!

 

articoli correlati